Il governo tailandese ritarda la proposta di divieto della cannabis ricreativa per cercare maggiori input

FOTO: MGRONLINE

Nazionale —

Secondo il ministro della sanità pubblica Cholnan Srikaew, la proposta di legge che vieterebbe l'uso ricreativo di cannabis in Thailandia è stata ritardata dal governo per raccogliere ulteriore feedback pubblico.

Dopo la riunione di gabinetto di martedì, il Ministro Cholnan ha annunciato che il Ministero della Sanità Pubblica ha bisogno di più tempo per raccogliere punti di vista sulla proposta di legge. Questo ritardo impedisce la sua immediata presentazione al gabinetto per l'esame.

Secondo quanto riferito, il ministro della sanità pubblica aveva affrettato il disegno di legge per tentare di farlo passare dopo le lamentele online sulle persone che fumavano ad un concerto dei Coldplay la scorsa settimana.

Il divieto proposto riflette la promessa elettorale del primo ministro Srettha Thavisin del maggio 2023 di limitare l'uso di cannabis a scopi medici e sanitari. Questa posizione è emersa da presunte preoccupazioni sui potenziali rischi di dipendenza associati all’uso ricreativo.

Nonostante il ritardo, il ministro Cholnan aveva precedentemente affermato che il disegno di legge rivisto sul controllo della cannabis e della canapa darà priorità alle cure mediche come unico uso legittimo delle piante, vietando esplicitamente qualsiasi forma di consumo ricreativo.

È probabile che il ritardo consenta un maggiore feedback da parte dei gruppi pro-cannabis e risolva le preoccupazioni su alcune parti del disegno di legge, come la proposta di una multa di 60,000 baht per chi viene sorpreso a usare cannabis a scopo ricreativo o come esattamente il divieto di usare cannabis a scopo ricreativo nella privacy dei propri cari. casa sarebbe applicata equamente.

Non è chiaro quando il disegno di legge verrà nuovamente presentato, sottolineano i media TPN. Anche se il governo tailandese dovesse approvare il disegno di legge, dovrebbe poi passare attraverso il Parlamento e ottenere il sostegno della maggioranza per approvarlo come legge. Ciò non è garantito poiché il partito Bhumjaithai e il partito Move Forward hanno entrambi espresso preoccupazioni significative su alcune parti del disegno di legge.

Il disegno di legge Da mesi si discute tra i gruppi opposti, come abbiamo riportato qui, con molti preoccupati su come verrebbe applicata e cosa significherebbe per le migliaia di dispensari e negozi di cannabis della Thailandia. Le emozioni sono state alte sia tra coloro che sostengono che tra coloro che si oppongono alla cannabis legale e probabilmente continueranno fino a quando le diverse fazioni non saranno in grado di trovare un terreno comune e un compromesso.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

-=-=-=-=-=-=-=–=-=-=-=-=-=-=-=

Aiutaci a sostenere The Pattaya News nel 2024!

Hai bisogno di un'assicurazione medica o di viaggio per il tuo viaggio in Thailandia? Possiamo aiutare!

Tanakorn Panyadee
L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.