Turista cinese sorpreso a mentire sul presunto furto di 20,000 baht da parte di un motociclista a Patong

Patong-

Un turista cinese è stato sorpreso a mentire su un presunto furto di 20,000 baht da parte di un motociclista a Patong prima di confessare la menzogna alla polizia.

La polizia di Patong ha detto al Phuket Express che dopo la mezzanotte di giovedì (8 febbraioth) sono stati informati da un cittadino preoccupato che un turista cinese era stato vittima di un presunto furto con scasso davanti a un albergo sulla Phang Mueang Sai Kor Road.

La polizia è arrivata sul posto e ha trovato un uomo identificato solo come il signor Sing, 37 anni, cittadino cinese. Ha detto alla polizia che il sospettato indossava una giacca in stile motociclista taxi. Il sospettato gli avrebbe strappato 20,000 baht prima che fuggisse in moto.

La polizia ha controllato le riprese delle telecamere a circuito chiuso e alla fine ha trovato il motociclista taxista. Ha detto alla polizia che dopo aver lasciato il turista cinese non erano riusciti a mettersi d'accordo sulla tariffa del taxi. Hanno quindi iniziato a discutere sulla tariffa prima che il tassista se ne andasse. Non ha strappato 20,000 baht al turista.

Il turista cinese ha poi ammesso alla polizia che nessuno gli aveva portato via 20,000 baht e che aveva inventato l'accusa di "riprendersi" al tassista perché era arrabbiato perché la tariffa del taxi era quella che pensava fosse troppo alta. La tariffa esatta del taxi non è stata rivelata alla stampa.

Il turista cinese rischia ora di dover affrontare molteplici accuse legali, comprese possibili accuse di diffamazione che in Thailandia comportano severe sanzioni finanziarie e possibili lunghe pene detentive.

Goongnang Suksawat
Goong Nang è un traduttore di notizie che ha lavorato professionalmente per diversi organi di informazione in Tailandia per molti anni e ha lavorato con The Pattaya News per più di quattro anni. È specializzato principalmente in notizie locali per Phuket, Pattaya e anche in alcune notizie nazionali, con particolare attenzione alla traduzione dal tailandese all'inglese e lavorando come intermediario tra giornalisti e scrittori di lingua inglese. Originario di Nakhon Si Thammarat, ma vive a Phuket e Krabi tranne quando fa il pendolare tra i tre.