Il primo ministro tailandese discute i visti per i paesi confinanti, con l'obiettivo di stabilire la Thailandia come polo turistico regionale

Nazionale-

Il 3 febbraio 2024, il signor Srettha Thavisin, il primo ministro tailandese, ha rivelato pubblicamente dopo una discussione con la signora Sudawan Wangsuphakijkosol, ministro del turismo e dello sport, in merito a una discussione sui visti CLMV (Cambogia, Laos, Myanmar e Vietnam). così come la Malesia, con l’obiettivo di avere la Thailandia come un importante centro turistico.

Dopo un incontro ministeriale con la Repubblica Democratica del Laos, Sudawan ha rivelato pubblicamente che erano in corso discussioni per una collaborazione turistica regionale, coinvolgendo in particolare CLMV e Malesia. Le discussioni non si sono ancora concluse poiché la collaborazione regionale necessita di un accordo reciproco e di pari vantaggi, ha affermato Sudawan.

I visti CLMV e Malesia miravano a esentare i visti durante i viaggi attraverso Cambogia, Laos, Myanmar, Vietnam e Malesia possedendo solo un visto tailandese come un visto Schengen in Europa, ha osservato Sudawan.

Tuttavia, il generale Hun Manet, primo ministro cambogiano, visiterà ufficialmente la Thailandia il 7 febbraio, per discutere le questioni relative al visto CLMV proposto.

Srettha ha sottolineato i vantaggi reciproci per i paesi partecipanti, evidenziando le solide industrie aeree di Vietnam, Malesia e Thailandia, che hanno la Thailandia come centro aereo per distribuire i turisti in arrivo in tutta la regione.

Inoltre, il signor Saengchai Teerakulwanich, presidente della Federazione delle PMI tailandesi, ha sollevato interrogativi sull'impatto a lungo termine delle iniziative di esenzione dal visto sul turismo tailandese.

Ha sottolineato la necessità di un'analisi completa per valutare le potenziali perdite nelle tasse sui visti a fronte dell'aumento della spesa turistica.

Per sostenere il turismo tailandese, la federazione ha proposto aree chiave per la preparazione del governo tailandese, tra cui la garanzia della sicurezza, il sostegno degli standard universali nei servizi e nei prodotti, il potenziamento della tecnologia nel turismo, l’accelerazione dell’accesso al credito, il miglioramento dello sviluppo delle competenze lavorative nel turismo e il sostegno al marketing. Strategie per attrarre turisti internazionali.

Inoltre, la signora La-iad Bungsrithong, consulente della Northern Thai Hotels Association, ha discusso i potenziali vantaggi di recenti viaggi senza visto tra Thailandia e Cina, compresa la collaborazione con i paesi CLMV e la Malesia. Ha sottolineato la necessità di una responsabilità condivisa tra gli enti statali, prevedendo reciproci guadagni turistici.

Pur riconoscendo la natura competitiva del settore, soprattutto nella posizione vantaggiosa della Thailandia, permanevano incertezze sul reale sostegno da parte di altre nazioni. Nonostante le sfide, La-iad è rimasta ottimista, in attesa di processi operativi efficaci per superare gli ostacoli e garantire risultati tempestivi.

Questo articolo è originariamente apparso sul nostro sito gemello The Pattaya News.

Kittisak Phalaharn
Kittisak ha una passione per le uscite, non importa quanto sarà dura, viaggerà con uno stile avventuroso. Per quanto riguarda i suoi interessi per il fantasy, i generi polizieschi nei romanzi e nei libri di scienze sportive fanno parte della sua anima. Lavora per Pattaya News come l'ultimo scrittore.