Opinione: Sì, è ora di consentire a più paesi di avere un visto di 90 giorni per l'ingresso in Thailandia

All’inizio di questa settimana TPN Media e alcuni altri media tailandesi hanno riportato una proposta che per una volta ha ottenuto una risposta quasi universalmente positiva da parte dei nostri lettori.

Tale proposta, avanzata dall'Autorità per il Turismo della Thailandia, è quello di consentire a molti più paesi un soggiorno di 90 giorni in Thailandia con un'esenzione dal visto all'arrivo, che abbiamo riportato qui.

Attualmente, solo i russi hanno un programma simile della stessa durata, in gran parte dovuto ad un accordo reciproco tra i due paesi che consente anche ai cittadini tailandesi di entrare in Russia fino a 90 giorni con esenzione dal visto. Questo accordo è stato stipulato lo scorso anno in gran parte a causa della neutralità della Thailandia durante la guerra tra Ucraina e Russia.

Recentemente, La Cina ha firmato un accordo simile con la Thailandia ma per meno giorni, come abbiamo riportato qui, che si spera sia finalizzato a stimolare il turismo cinese in ritardo.

Ora, con la proposta più recente, molti dei nostri lettori provenienti da paesi come il Regno Unito, l'America, l'Australia e molti altri sperano che un programma simile sia in arrivo anche per loro.

Cerchiamo di essere chiari, questa è solo una proposta. Non vi è alcuna garanzia che la proposta venga realizzata. Lo affermiamo in modo che le persone non ci chiedano continuamente quando inizierà l'esenzione dal visto esteso.

Per essere approvata, la proposta necessita dell’approvazione di diversi rami del governo tailandese, ma soprattutto del Gabinetto tailandese. È anche importante notare che, sebbene la Thailandia speri profondamente in una proposta reciproca per i propri cittadini nei paesi a cui consente di venire in Thailandia per 90 giorni, è improbabile che ciò accada, soprattutto con paesi come gli Stati Uniti.

Questa mancanza di una proposta reciproca ha rappresentato in passato un ostacolo importante per ottenere esenzioni dal visto più lunghe per molti paesi. Tuttavia, si sta lavorando per consentire ai cittadini tailandesi i visti Schengen per l'Europa con deroghe, ma ancora una volta, a questo punto si tratta solo per lo più di proposte.

Indipendentemente da eventuali programmi reciproci o meno, l’economia tailandese è ancora in fase di ricostruzione dopo che la pandemia di Covid-19 ha brutalizzato il settore del turismo per circa due anni e mezzo. Un gran numero di visitatori vorrebbero rimanere più a lungo in Thailandia con un visto turistico di 90 giorni e non dover affrontare visite all'immigrazione, lunghe attese in fila, pratiche burocratiche intimidatorie e molti altri ostacoli per soggiorni più lunghi.

Ciò renderebbe anche la vita molto più semplice ai nostri espatriati part-time che vengono da 3 a 6 mesi all'anno per restare.

Una tale estensione ridurrebbe anche in modo significativo la quantità di lavoro che deve fare l'Immigrazione e ridurrebbe le code all'Immigrazione di Chonburi e ad altri uffici popolari nelle aree turistiche. Ciò in cambio consentirebbe agli uffici di concentrarsi su questioni più urgenti.

Questa strategia si collega anche all'immigrazione tailandese che incoraggia e sollecita gli espatriati a segnalare i loro check-in di 90 giorni online rispetto a quelli di persona, come abbiamo riportato qui.

In conclusione, è opinione di questo autore che l’estensione dell’esenzione dal visto di 90 giorni all’arrivo per molti altri paesi è attesa da tempo e sarebbe incredibilmente gradita per molti dei nostri lettori.

Cosa ne pensi? Raccontacelo sui social media o scrivici a [email protected]

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

Goongnang Suksawat
Goong Nang è un traduttore di notizie che ha lavorato professionalmente per diversi organi di informazione in Tailandia per molti anni e ha lavorato con The Pattaya News per più di quattro anni. È specializzato principalmente in notizie locali per Phuket, Pattaya e anche in alcune notizie nazionali, con particolare attenzione alla traduzione dal tailandese all'inglese e lavorando come intermediario tra giornalisti e scrittori di lingua inglese. Originario di Nakhon Si Thammarat, ma vive a Phuket e Krabi tranne quando fa il pendolare tra i tre.