L’Autorità del Turismo tailandese propone soggiorni senza visto di 90 giorni per più paesi, mirati ai paesi occidentali

Nazionale-

Il 29 gennaio 2024, i media nazionali tailandesi hanno dichiarato che l'Autorità del Turismo della Thailandia (TAT) ha chiesto al governo tailandese di estendere la durata del soggiorno senza visto a 90 giorni per i turisti a lungo raggio, compresi quelli provenienti dagli Stati Uniti e dall'Europa, per elevare le entrate nazionali a lungo raggio al 40% nel 2024.

Siripakorn Cheawsamoot, vice governatore del TAT per Europa, Africa, Medio Oriente e Americhe, ha sottolineato che i visti di lunga durata contribuirebbero ad aumentare la durata media del soggiorno e a massimizzare la spesa per viaggio.

La Tailandia, attualmente, estende i visti turistici all’arrivo ai cittadini di oltre 60 paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia e nazioni scandinave. La maggior parte di questi, tuttavia, richiedono un viaggio all'Immigrazione per la loro estensione, la proposta sarebbe un programma simile a quello della Russia attualmente in cui arrivi da alcuni paesi otterrebbero automaticamente soggiorni più lunghi all'arrivo in Thailandia.

In precedenza, la maggior parte dei visitatori aveva diritto a un soggiorno di 30 giorni prima di richiedere il visto.

Siripakorn ha sottolineato il successo del programma di visto esteso con i turisti russi, ai quali sono stati temporaneamente concessi soggiorni di 90 giorni lo scorso novembre 2023. Oltre 100,000 turisti stranieri hanno richiesto un visto che consentisse un soggiorno di 60 giorni in Tailandia nel 2023, la maggior parte proveniente dal Stati Uniti, Regno Unito, Svezia e Germania.

Anticipando impatti economici positivi, Siripakorn stima che prolungare i soggiorni potrebbe generare almeno un milione di pernottamenti a livello nazionale negli hotel.

La TAT ha anche chiesto l'approvazione del Comitato Nazionale per la Politica del Turismo per l'estensione di altre misure a favore dei viaggiatori fino alla fine dell'anno.

Queste misure includevano la sospensione dei moduli TM6 ai valichi di frontiera tra Thailandia e Malesia, un soggiorno senza visto di 30 giorni per i turisti kazaki e la continuazione del soggiorno senza visto di 90 giorni per i russi.

Siripakorn ha delineato l'obiettivo della TAT di attrarre 10 milioni di turisti a lungo raggio nel 2024, pari a quasi il 30% dei 35 milioni di turisti stranieri previsti. Prima della pandemia del 2019, la Thailandia ospitava 9 milioni di turisti a lungo raggio, contribuendo per il 23% ai 40 milioni di visitatori stranieri totali, con entrate che rappresentavano il 33% dei 1.9 trilioni di baht totali.

Nonostante le tensioni geopolitiche e le sfide economiche, Siripakorn ha espresso fiducia nel fatto che il turismo estero rimanga cruciale per i viaggiatori europei. Quest’inverno i voli a lungo raggio verso la Thailandia sono migliorati fino all’80% rispetto ai livelli pre-pandemia, contribuendo ad un previsto aumento degli arrivi.

Il TAT prevedeva di incoraggiare le compagnie aeree internazionali a stabilire nuove rotte verso aeroporti meno congestionati in destinazioni come Surat Thani, U-tapao a Chon Buri, Krabi e Chiang Mai.

Siripakorn prevede che alcuni mercati importanti, tra cui Russia, Stati Uniti, Regno Unito e Germania, supereranno quest’anno la soglia del milione di turisti, con la Russia che potrebbe raggiungere i 1 milioni di turisti.

Nel frattempo, La Cina e la Tailandia hanno recentemente raggiunto un accordo sull'esenzione reciproca dal visto, come abbiamo trattato qui.

A questo punto, è importante notare che questa è solo una proposta e necessita dell'approvazione del governo tailandese per essere elaborata ed avere effetto.

Questo articolo è originariamente apparso sul nostro sito gemello The Pattaya News.

Kittisak Phalaharn
Kittisak ha una passione per le uscite, non importa quanto sarà dura, viaggerà con uno stile avventuroso. Per quanto riguarda i suoi interessi per il fantasy, i generi polizieschi nei romanzi e nei libri di scienze sportive fanno parte della sua anima. Lavora per Pattaya News come l'ultimo scrittore.