Thailandia e Cina siglano un accordo di esenzione dal visto per incentivare il turismo e rafforzare i legami bilaterali

Nazionale —

Thailandia e Cina hanno raggiunto un accordo per rinunciare all’obbligo del visto per i loro cittadini, una mossa volta a incentivare i viaggi e il turismo tra le due nazioni.

Secondo quanto riferito, nei giorni scorsi è avvenuta la firma tra il ministro degli Esteri Parnpree Bahiddha-nukara e il suo omologo cinese Wang Yi dell'accordo di esenzione reciproca dal visto, che entrerà in vigore il 1° marzo.

Si prevede che la nuova politica di esenzione dal visto migliorerà gli scambi interpersonali e aiuterà la ripresa del settore turistico tailandese, tradizionalmente una componente chiave della seconda economia più grande del Sud-est asiatico.

I cittadini cinesi costituiscono il gruppo più numeroso di visitatori in Thailandia. Tuttavia, la pandemia di COVID-19 ha comportato un forte calo dei visitatori provenienti dalla Thailandia, la più grande economia asiatica, passando da 11 milioni nel 2019 a soli 3.5 milioni l’anno scorso.

Oltre all’accordo sui visti, sia la Cina che la Thailandia si sono impegnate ad accelerare la costruzione della ferrovia Cina-Thailandia e a collaborare nella lotta contro i crimini transnazionali.

Il precedente è un comunicato stampa del dipartimento PR del governo tailandese.

Tanakorn Panyadee
L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.