Gli operatori di ristoranti tailandesi chiedono al governo di sbloccare gli orari di vendita di alcolici e di porre fine al divieto di vendita pomeridiana

Tailandia -

Gli operatori dei ristoranti tailandesi chiedono al governo tailandese di sbloccare gli orari di vendita di alcolici e di porre fine ai periodi di vendita limitati, in particolare dalle 2:5 alle XNUMX:XNUMX nel pomeriggio.

Il presidente dell'Associazione degli operatori di ristorazione della Thailandia, Sorathep Rojpojjanaras (Steep), ha dichiarato a Thai Media: “L'orario di chiusura legale dei luoghi di intrattenimento è stato esteso alle 4:00 del mattino. I ristoratori vogliono che il governo prenda in considerazione anche gli orari legali di vendita degli alcolici, soprattutto nel pomeriggio”.

"Abbiamo inviato una lettera al Primo Ministro chiedendo formalmente di sbloccare l'orario di vendita di alcolici durante le 2:00. alle 5:00 per rilanciare le imprese del settore alimentare e delle bevande. Ne abbiamo bisogno come regalo di Capodanno da parte del governo tailandese”, ha spiegato Sorathep.

“Per alleviare gli ostacoli alle vendite da parte delle attività di ristorazione, il divieto di vendita di alcolici è previsto dalle 2:00 alle 5:00. alle 50:XNUMX dovrebbe essere cancellato. Questo divieto dura da più di XNUMX anni. Gli orari di divieto hanno causato problemi ai turisti stranieri e molti di loro non capiscono il motivo del divieto e poi discutono con gli imprenditori”, ha aggiunto Sorathep.

“La Tailandia è un paese guidato dal turismo. Questo divieto di vendita di alcolici non rientra nel diritto internazionale. L’economia e l’attività turistica della Thailandia non sono state completamente ripristinate rispetto a prima della pandemia di Covid-19”, ha affermato il sig. - notò Sorathep.

Sorathep e altri imprenditori hanno anche sottolineato che nessuno nell'attuale governo può spiegare adeguatamente il motivo del divieto pomeridiano, solo con voci secondo cui la legge arcaica di oltre cinquant'anni sarebbe stata originariamente emanata dal Primo Ministro dell'epoca per vietare presumibilmente Thaj i dipendenti pubblici di uscire presto dal lavoro per andare a bere.

Un'altra ragione per cui la legge è in vigore, fornita dai politici tailandesi, è stata quella di vietare la vendita di alcolici mentre le scuole aprono per proibire la guida in stato di ebbrezza, ma i critici hanno continuamente sottolineato che un guidatore ubriaco potrebbe rimanere gravemente ubriaco dalle 11:2 alle XNUMX:XNUMX e poi guidare mentre le scuole stanno rilasciando. comunque, rendendo la legge priva di senso.

Anche il Parlamento tailandese sta discutendo di modificare gli orari di vendita degli alcolici ma l’industria della ristorazione e del turismo hanno affermato che queste discussioni sono in corso da anni e che il primo ministro e il governo tailandesi hanno il potere di accelerare il processo e invalidare le vecchie leggi senza dover discuterne di nuove.

Si è discusso anche di consentire la vendita mattutina di alcolici nei minimarket e nei negozi di alimentari, osserva TPN Media. Una restrizione che al momento non viene richiesta, tuttavia, è la revoca del divieto di vendita di alcolici durante le festività religiose buddiste. poiché questa è vista come una questione delicata da molte persone conservatrici e religiose in tutta la Thailandia, nonostante sia stata suggerita in passato da alcuni membri molto liberali del governo.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito gemello, The TPN National News, di proprietà della nostra casa madre TPN media.

Goongnang Suksawat
Goong Nang è un traduttore di notizie che ha lavorato professionalmente per diversi organi di informazione in Tailandia per molti anni e ha lavorato con The Pattaya News per più di quattro anni. È specializzato principalmente in notizie locali per Phuket, Pattaya e anche in alcune notizie nazionali, con particolare attenzione alla traduzione dal tailandese all'inglese e lavorando come intermediario tra giornalisti e scrittori di lingua inglese. Originario di Nakhon Si Thammarat, ma vive a Phuket e Krabi tranne quando fa il pendolare tra i tre.