Il ministro dei trasporti tailandese annuncia piani per aumentare gli slot aerei mentre il turismo mostra segni di ripresa

Nazionale-

Il 12 gennaio 2024, il signor Suriya Juangroongruangkit, ministro dei trasporti tailandese, ha rivelato pubblicamente dopo l'evento CAAT OPEN HOUSE 2024 che esiste una forte tendenza alla rinascita nel settore del turismo, pertanto, l'Autorità per l'aviazione civile della Thailandia (CAAT ) deve aumentare il numero di voli per soddisfare la domanda futura.

Il piano per soddisfare la domanda di più voli comprende gli aeroporti di Suvarnabhumi, Don Mueang, Chiang Mai e Phuket, destinazioni popolari per i turisti stranieri. Secondo la valutazione iniziale, la CAAT potrebbe programmare slot di volo dal 30% al 40% in più rispetto all'anno precedente per soddisfare la crescente domanda, ha affermato il Ministro dei Trasporti.

Alla CAAT è stato ordinato di gestire gli orari dei voli nelle ore di punta e di aumentare il numero di slot di volo poiché ciò potrebbe potenzialmente causare impatti positivi per un numero crescente di passeggeri, ha osservato Suriya.

“Tuttavia, il Ministero dei Trasporti ha valutato che l’attuale situazione dell’aviazione continua a riprendersi e presto tornerà alla normalità, simile a prima del COVID-19 nel 2019. Era evidente che la richiesta di prenotare voli, non solo per le compagnie aeree tailandesi ma anche compagnie aeree internazionali, ha acquisito maggiore importanza. Le compagnie aeree non sono in grado di soddisfare la crescente domanda al momento, ma nei prossimi anni l’industria aeronautica si espanderà poiché ci saranno più aeroplani disponibili per il servizio”, ha affermato Suriya.

Suttipong Kongpool, presidente della CAAT, ha rivelato pubblicamente che la situazione complessiva del trasporto aereo in termini di numero di passeggeri si è ripresa del 74% rispetto al 2019. È probabile che la seconda metà del 2024 porti una maggiore domanda di voli e porterà il volume complessivo di passeggeri quest’anno torneremo ai livelli normali prima del Covid-19, ha affermato Suttipong.

Tuttavia, il mercato cinese si trova attualmente ad affrontare problemi economici e la politica di esenzione dal visto che consente ai turisti cinesi di beneficiare dell’esenzione dal visto potrebbe non stimolare il turismo in Thailandia come inizialmente sperava il governo tailandese. Ma si credeva che i cinesi avrebbero cominciato a viaggiare di più nella seconda metà di quest'anno, ha concluso Suttipong.

Questo articolo è originariamente apparso sul nostro sito gemello The Pattaya News.

Kittisak Phalaharn
Kittisak ha una passione per le uscite, non importa quanto sarà dura, viaggerà con uno stile avventuroso. Per quanto riguarda i suoi interessi per il fantasy, i generi polizieschi nei romanzi e nei libri di scienze sportive fanno parte della sua anima. Lavora per Pattaya News come l'ultimo scrittore.