La rete tailandese di difesa della cannabis critica il ministro per aver aggirato il contributo pubblico al disegno di legge sul controllo

Nazionale —

I cittadini tailandesi che si autodefiniscono “Rete per modellare il futuro della cannabis tailandese” hanno espresso forte insoddisfazione nei confronti del ministro della sanità pubblica Cholnan Srikaew per aver appoggiato una nuova bozza di legge sul controllo della cannabis e della canapa senza mantenere la sua presunta promessa di consultare il settore civile e imprenditoriale.

Nel suo post su Facebook, Prasitchai Nunual, segretario generale della rete, ha criticato Cholnan per non aver mantenuto la sua promessa di consentire al pubblico di discutere il progetto di legge prima di consegnarlo al Consiglio dei Ministri per l’esame.

Ha affermato che il ministro aveva promesso personalmente alla sua rete di consentire la partecipazione pubblica per garantire che il disegno di legge fosse formulato sulla base di fatti e prove scientifiche e non influenzato da interessi politici.

Il 6 gennaio 2024, Cholnan ha ufficialmente inoltrato al governo una nuova bozza di disegno di legge sul controllo della cannabis e della canapa, sottolineando l’attenzione del disegno di legge sull’uso medicinale di entrambe le piante.

"Perché non ha mantenuto la parola data di ascoltare il pubblico prima di presentare la bozza?" Il signor Prasitchai ha criticato la decisione. “Non abbiamo ancora visto quali siano tutte le misure, ma dall’intervista del ministro ai media, riteniamo che molte delle misure siano problematiche e non basate sui fatti”.

Prasitchai ha inoltre criticato le normative proposte, in particolare il requisito del permesso di un medico per l’uso e la piantagione di cannabis a domicilio. Si è chiesto perché, ad esempio, una persona che assume meno di cinque pillole di metanfetamine non sia considerata un reato, mentre una persona che vuole coltivare o usare cannabis a casa propria deve chiedere il permesso di un medico.

Inoltre, Prasitchai ha messo in guardia il governo dal favorire alcuni gruppi nel panorama politico tailandese. Ha esortato il Ministero della sanità pubblica a promuovere la cannabis e la canapa esaminando le informazioni concrete piuttosto che la pressione politica, nello stesso modo in cui il governo ha indirettamente promosso l’alcol estendendo gli orari di apertura legali per l’industria dell’intrattenimento.

Daycha Siripatra, presidente della Fondazione Khaokwan, ha fatto eco ai punti di vista di Prasitchai, evidenziando incoerenze nel quadro normativo.

Ha spiegato che anche se la cannabis non è stata collegata ad alcun decesso, è soggetta a normative più severe, a differenza del tabacco e dell'alcol, sostanze che hanno causato rispettivamente oltre 100,000 e 40,000 morti l'anno scorso, e che sono state legalmente consentite per scopi ricreativi.

Daycha ritiene che il nuovo disegno di legge non serva l’interesse pubblico ma piuttosto avvantaggi gruppi specifici, in particolare quelli che sperimentano cali significativi delle vendite poiché le persone si rivolgono alla cannabis per alleviare i sintomi, come il dolore e l’insonnia.

Dopo le loro dichiarazioni, il progetto di legge è stato pubblicato online in tailandese e sono emerse anche altre preoccupazioni, come una proposta di multa di 60,000 baht per l'uso di marijuana per uso ricreativo. Molti hanno espresso preoccupazione per il fatto che questa sanzione proposta potrebbe essere oggetto di abusi da parte delle forze dell'ordine corrotte, soprattutto contro i turisti stranieri, in modo simile allo svapo in passato, soprattutto perché non era chiaro nel disegno di legge come i funzionari avrebbero chiaramente identificato che l'uso della marijuana era ricreativo e non per ragioni medicinali. Altri temevano che ciò creasse una situazione di “tea money” simile alla prostituzione, anch’essa allo studio per la depenalizzazione in Thailandia dopo decenni di ampia accettazione non ufficiale ma che è ancora illegale.

La regolamentazione della marijuana sarà sicuramente una questione importante in futuro e la terremo d'occhio qui a TPN media.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

-=-=-=-=-=-=-=–=-=-=-=-=-=-=-=

Non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter e ricevere tutte le nostre novità in un'unica e-mail giornaliera senza spam. Clicca qui! OPPURE inserisci la tua email qui sotto!

Tanakorn Panyadee
L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.