Dichiarazione ufficiale del Ministero degli Affari Esteri tailandese: rilasciato il primo lotto di 12 ostaggi tailandesi

Nazionale-

Il 24 novembre, il Ministero degli Affari Esteri tailandese ha rilasciato una dichiarazione di congratulazioni per il rilascio del primo lotto di 12 ostaggi tailandesi.

La dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri della Thailandia è la seguente:

Il Ministero degli Affari Esteri della Thailandia è stato informato dall'Ambasciata Reale Tailandese, a Tel Aviv, che 12 cittadini tailandesi tenuti in ostaggio sono stati rilasciati e sono entrati in Israele attraverso il valico di frontiera di Rafah. Vengono trasportati al punto di lavorazione presso la base aeronautica di Hatzerim. Al momento non si conoscono il sesso e i nomi di questi thailandesi.

I 12 thailandesi saranno portati allo Shamir Medical Center (Assaf Harofeh), dove saranno accolti dai funzionari dell'ambasciata. Devono essere sotto controllo medico per un periodo di 48 ore, senza accesso agli estranei.

Il Ministero degli Affari Esteri tailandese invia le sue più sentite congratulazioni a questi 12 cittadini tailandesi e alle loro famiglie e farà tutto il possibile per accelerare il loro ritorno in Thailandia.

Il governo reale tailandese esprime i suoi ringraziamenti a tutti coloro a cui ha chiesto aiuto per garantire il rilascio di questi primi ostaggi, vale a dire i governi del Qatar, Israele, Egitto, Iran, Malesia e il CICR. La nostra profonda speranza è che tutti gli ostaggi rimasti siano presi in carico e rilasciati in sicurezza alla prima occasione.

Questa dichiarazione ufficiale proviene dal Ministero degli Affari Esteri della Thailandia.

Goongnang Suksawat
Goong Nang è un traduttore di notizie che ha lavorato professionalmente per diversi organi di informazione in Tailandia per molti anni e ha lavorato con The Pattaya News per più di quattro anni. È specializzato principalmente in notizie locali per Phuket, Pattaya e anche in alcune notizie nazionali, con particolare attenzione alla traduzione dal tailandese all'inglese e lavorando come intermediario tra giornalisti e scrittori di lingua inglese. Originario di Nakhon Si Thammarat, ma vive a Phuket e Krabi tranne quando fa il pendolare tra i tre.