Il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia chiede di proteggere il diritto dei bambini a un ambiente pulito, sano e sostenibile nel sud-est asiatico

COMUNICATO STAMPA:

Di fronte a una crisi climatica sempre più profonda, papàI partner si riuniscono a Bangkok per riconoscere e riaffermare nuovi obblighi per proteggere la vita e il futuro dei bambini

BANGKOK, 9 novembre 2023 – Alla presenza del Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia, il Commento generale n. 26 è stato lanciato ufficialmente oggi nel Sud-Est asiatico durante un evento ospitato dall’Ufficio regionale dell’UNICEF per l’Asia orientale e il Pacifico a Bangkok.

Il nuovo Commento Generale, pubblicato ad agosto, affronta per la prima volta esplicitamente l’emergenza climatica e i relativi obblighi degli Stati di proteggere la vita e il benessere dei bambini ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia.

Il lancio del Commento nel Sud-Est asiatico è stato ospitato dall’UNICEF in collaborazione con OHCHR, UNEP, Child Rights Coalition Asia, Child Rights International Network, Child Rights Information Center, Save The Children, World Vision e Terre Des Hommes.

Intervenendo al lancio regionale, il presidente del Comitato sui diritti dell’infanzia, Ann Skelton, ha dichiarato: “I bambini hanno messo le loro preoccupazioni sull’ambiente e sul cambiamento climatico in cima all’agenda, il Commento generale 26 riconosce questo, e fornisce informazioni legali e orientamenti pratici agli Stati e al settore imprenditoriale per difendere i diritti dei bambini nel contesto della tripla crisi planetaria”.

In linea con l'attenzione del Commento generale sul ruolo dei bambini e dei giovani nel guidare il dibattito sul clima in tutto il mondo, il lancio regionale a Bangkok è stato convocato congiuntamente dai giovani. Anche giovani sostenitori della Cambogia e del Vietnam si sono collegati virtualmente per condividere le loro esperienze di difesa del clima e sottolineare la necessità di un’azione urgente per affrontare la perdita di biodiversità e l’aumento dell’inquinamento.

Prim Yong, 17 anni, sostenitore dei giovani tailandesi, ha dichiarato: “L'aria di bassa qualità è una vita di bassa qualità e influisce sui miei diritti, sui tuoi diritti e sui diritti dei nostri figli. Prendiamo il clima adesso”.

Il Commento Generale specifica che gli Stati sono responsabili non solo della protezione dei diritti dei bambini da danni immediati, ma anche delle prevedibili violazioni dei loro diritti in futuro dovute ad atti – o omissioni – degli Stati oggi. Inoltre, sottolinea che gli Stati possono essere ritenuti responsabili non solo dei danni ambientali che si verificano all’interno dei loro confini, ma anche degli impatti dannosi dei danni ambientali e dei cambiamenti climatici oltre i loro confini. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata ai danni sproporzionati subiti dai bambini in situazioni svantaggiate.

L’adozione di questo Commento Generale ha fatto seguito a una serie di consultazioni di persona e online con bambini provenienti da 121 paesi e consultazioni regionali in Asia e Sud America. Sulla base di 170 contributi scritti provenienti da Stati, enti delle Nazioni Unite, istituzioni nazionali per i diritti umani, società civile e 16,331 contributi dei bambini stessi, è stato garantito che il commento generale fosse rappresentativo delle diverse esperienze e degli interessi migliori dei bambini a livello globale.

Dopo il lancio regionale, il vicepresidente del Comitato sui diritti dell'infanzia, Sopio Kiladze, ha dichiarato: 'Un ambiente sano, pulito e sostenibile è fondamentale affinché i bambini possano godere dei diritti sanciti dalla Convenzione. Abbiamo bisogno di un forte impegno da parte degli stati e delle imprese e di misure efficaci. Ma è inevitabile anche una stretta collaborazione tra tutte le parti interessate. Lo dobbiamo ai nostri figli.'

Il Commento Generale rappresenta una pietra miliare significativa ed è il risultato di impegni globali, regionali e intergenerazionali e afferma che le opinioni dei bambini devono essere prese in considerazione nel processo decisionale ambientale e sottolinea il ruolo fondamentale dell’educazione ambientale nel preparare i bambini ad agire, sostenere e proteggersi dai danni ambientali.

“Ragazzi e ragazze nell’Asia orientale e nel Pacifico sono in prima linea nella crisi climatica globale. Vivono sei volte più disastri climatici rispetto ai loro nonni solo 50 anni fa”, ha affermato Debora Comini, Direttore regionale dell’UNICEF per l’Asia orientale e il Pacifico. “Il cambiamento climatico e il suo impatto sui bambini non possono essere affrontati da una singola agenzia, organizzazione o governo. È fondamentale lavorare insieme, anche con il settore imprenditoriale, per garantire i diritti dei bambini alla sopravvivenza, alla protezione, allo sviluppo e alla partecipazione”.

 

Sottoscrivi
Goongnang Suksawat
Goong Nang è un traduttore di notizie che ha lavorato professionalmente per diversi organi di informazione in Tailandia per molti anni e ha lavorato con The Pattaya News per più di quattro anni. È specializzato principalmente in notizie locali per Phuket, Pattaya e anche in alcune notizie nazionali, con particolare attenzione alla traduzione dal tailandese all'inglese e lavorando come intermediario tra giornalisti e scrittori di lingua inglese. Originario di Nakhon Si Thammarat, ma vive a Phuket e Krabi tranne quando fa il pendolare tra i tre.