Il governo thailandese ha pianificato orari di chiusura posticipati per i locali notturni messi alla prova dalle vittime della guida in stato di ebbrezza

FOTO: NON GUIDARE FONDOTINTA UBRIACO

Nazionale —

Un gruppo di attivisti e vittime contro la guida in stato di ebbrezza ha presentato una petizione al governo tailandese per annullare il suo piano di estendere l'orario di chiusura delle attività di intrattenimento.

Giovedì 12 ottobre i membri del gruppo Drink No Drive, composto da attivisti, vittime della guida in stato di ebbrezza e le loro famiglie, si sono riuniti presso l'ufficio del Primo Ministro per esprimere la loro opposizione al piano del governo tailandese di estendere gli orari di apertura della vita notturna del Paese. .

Secondo il primo ministro thailandese Srettha Thavisin, il governo sta valutando la possibilità di estendere l'orario di chiusura della vita notturna in alcune zone fino alle 4 del mattino per rilanciare il turismo e l'economia. Il Primo Ministro Srettha ha incaricato il Ministero degli Interni di identificare luoghi idonei in cui i luoghi di intrattenimento, che attualmente chiudono dalle 12:2 alle 4:XNUMX nelle zone di intrattenimento ufficiali, potrebbero potenzialmente funzionare fino alle XNUMX:XNUMX.

Secondo il ministro dell'Interno Anutin Charnvilakul, i luoghi pilota scelti verranno rilasciati una volta che la polizia e gli operatori economici avranno finito di preparare i protocolli di sicurezza e le procedure operative. Aree turistiche e di intrattenimento popolari come Patong e Pattaya sono probabilmente in cima alla lista gli imprenditori locali hanno mostrato un forte sostegno alle proposte.

Tuttavia, il gruppo Drink No Drive ha fatto pressioni sul governo per frenare questa idea, affermando che orari più lunghi per bere avrebbero solo portato a più caos, compresi morti sulle strade, inquinamento e tassi di criminalità.

I denuncianti, alcuni seduti su sedia a rotelle, hanno sostenuto che la Thailandia ha attrazioni molto più preziose della sua vita notturna, come le bellissime destinazioni turistiche, la ricca cultura o il cibo di strada.

Invece di dare priorità all’industria dell’intrattenimento, il gruppo ha esortato il governo a concentrarsi sul miglioramento e sulla promozione degli aspetti sopra menzionati del paese al fine di avvantaggiare una parte più ampia della popolazione. Il gruppo non è d'accordo con le eccezioni anche per le zone popolari della vita notturna come Pattaya, dicendo che questo porterebbe anche altre zone a chiedere eccezioni o estensioni e che sarebbe meglio avere una politica coerente.

Per quanto riguarda i turisti, il gruppo ha chiesto al governo di dare priorità anche alla loro sicurezza, poiché vi sono state continue proteste incidenti recentemente che stanno erodendo la fiducia dei visitatori.

Le statistiche dell'Accident Data Center of Thailandia mostrano che ci sono stati 443 cittadini stranieri che hanno perso la vita in incidenti stradali in Thailandia dall'inizio del 2023 a ottobre. Inoltre, più di 16,888 persone hanno riportato lesioni.

Al 10 ottobre 2023, il riepilogo complessivo delle vittime di incidenti stradali in Thailandia ammontava a 10,916 persone, con 617,220 feriti segnalati. Secondo il centro dati sugli incidenti, la causa principale di questi incidenti, pari al 25-30%, è attribuita alla guida in stato di ebbrezza.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

Immagine dopo il contenuto del post
Goong Nang è un traduttore di notizie che ha lavorato professionalmente per diversi organi di informazione in Tailandia per molti anni e ha lavorato con The Pattaya News per più di quattro anni. È specializzato principalmente in notizie locali per Phuket, Pattaya e anche in alcune notizie nazionali, con particolare attenzione alla traduzione dal tailandese all'inglese e lavorando come intermediario tra giornalisti e scrittori di lingua inglese. Originario di Nakhon Si Thammarat, ma vive a Phuket e Krabi tranne quando fa il pendolare tra i tre.