Il primo ministro tailandese promette di porre fine all'uso ricreativo della marijuana entro sei mesi

Nazionale —

Il primo ministro Srettha Thavisin ha annunciato la sua ambizione di porre fine all'uso ricreativo della marijuana in Thailandia entro sei mesi, promettendo modifiche alla legge e restrizioni più severe sulla vendita della pianta per garantire che venga utilizzata esclusivamente per scopi medici.

Il Primo Ministro Srettha giovedì 21 settembre ha dichiarato a Bloomberg che la sua amministrazione sta lavorando per porre fine alle regole ambigue sull'uso della cannabis, che ha riconosciuto essere attualmente disponibile sia per uso medico che ricreativo.

La Thailandia è diventata la prima nazione in Asia a depenalizzare la marijuana nel giugno 2022 per le sue applicazioni mediche. Tuttavia, da allora, a causa dell’assenza di regolamentazione dovuta al dibattito in corso sulla depenalizzazione tra vari gruppi politici, migliaia di negozi al dettaglio di cannabis sono sorti in tutto il paese, in particolare in località turistiche come Pattaya e Phuket, rendendo difficile il controllo della sua vendita. uso improprio.

Srettha ha sottolineato ai media statunitensi: “Le leggi sulla marijuana devono essere riscritte per consentirne esclusivamente l’uso medico. La pianta non deve essere utilizzata per scopi ricreativi”.

Anche se non ha spiegato nei dettagli specifici come regolerà l'impianto o i negozi, Srettha ha fissato una scadenza di sei mesi, affermando che entro questo lasso di tempo verranno implementate norme più chiare e più severe.

Il Primo Ministro ha anche accennato al fatto che esiste già un ampio accordo tra gli 11 partiti della coalizione di governo secondo cui l'uso della cannabis e dei suoi estratti dovrebbe essere strettamente limitato a scopi medici.

Nel frattempo, nella coalizione c’è il Bhumjaithai Party, che è riuscito a concretizzare la sua campagna di punta per la legalizzazione della cannabis durante il precedente governo.

Sebbene Anutin Charnvirakul, il leader del Bhumjaithai, abbia dichiarato più volte la sua intenzione di modificare la legge sugli stupefacenti per garantire uno stretto controllo sull'uso di cannabis, si oppone fermamente all'idea di riclassificare la marijuana come sostanza controllata. Un atto del genere potrebbe portare persone incarcerate o multate pesantemente per l’uso di marijuana e Anutin e Bhumjaithai sono fortemente contrari a questo.

In seguito alla rimozione della marijuana dall'elenco delle sostanze controllate da parte dell'allora Ministro della Sanità Pubblica Anutin, il consumo di cannabis in Thailandia è caduto in uno stato di legalità complessa e vaga.

Attualmente, ci sono quasi 6,000 negozi al dettaglio di cannabis a livello nazionale. Gli agricoltori tailandesi possono anche coltivare marijuana liberamente solo se richiedono preventivamente il permesso della Food and Drug Administration.

Inoltre, le uniche regole chiare che regolano l'uso della pianta sembrano essere solo il divieto di fumare marijuana nelle aree pubbliche, un limite di età e il divieto di negozi di cannabis che operano vicino alle scuole, senza parlare dell'elefante nella stanza: il suo uso ricreativo illegale. e migliaia di dispensari chiaramente focalizzati sui turisti e sull’uso ricreativo rispetto a rigorose applicazioni mediche.

Più volte nel nuovo governo sono emerse idee per chiarire le vaghe norme.

Il ministro della sanità pubblica recentemente nominato, Cholnan Srikaew, ha dichiarato che il partito Bhumjaithai ha la possibilità di reintrodurre la sua legge sulla cannabis in parlamento per la deliberazione.

Ha sottolineato che, nonostante la cannabis sia stata cancellata dall'elenco, è ancora classificata come narcotico, anche se questo è stato dibattuto da alcuni.

Sottolinea la necessità di modificare il Cannabis Act per limitarne l'uso. Inoltre, ha suggerito di limitare la coltivazione di piante di cannabis, in particolare la possibilità per le famiglie di coltivare fino a 15 piante nel proprio cortile.

Nel frattempo, i leader della cannabis a Phuket e Bangkok, in reazione all'annuncio, sono rimasti per lo più imperturbabili, affermando che sarà impossibile definire chiaramente medico e ricreativo e che ritengono che verrà raggiunto un compromesso.

Hanno anche avvertito che il tentativo di ripristinare multe o sanzioni per uso ricreativo, come suggerito da Cholnan, porterebbe a un’ampia corruzione come nel settore dei bar e un altro grande elefante nella stanza, la prostituzione. Ufficialmente, i precedenti governi tailandesi avevano precedentemente affermato che la prostituzione non esiste in Thailandia, ma in realtà è diffusa in molte zone, nonostante non sia del tutto legale. Spingere la marijuana ricreativa clandestinamente, avvertono i leader della cannabis, causerà ancora più problemi.

Detto questo, molti operatori del settore della cannabis accolgono con favore una regolamentazione ragionevole, in particolare per fermare il contrabbando illegale di marijuana dagli Stati Uniti alla Thailandia e per aiutare a proteggere e promuovere la marijuana coltivata localmente dagli agricoltori tailandesi.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

-=-=-=-=-=-=-=–=-=-=-=-=-=-=-=

Aiutaci a sostenere The Pattaya News nel 2023!

Hai bisogno di un'assicurazione medica o di viaggio per il tuo viaggio in Thailandia? Possiamo aiutare!

Sottoscrivi
Tanakorn Panyadee
L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.