L'ingresso senza visto in Thailandia per i turisti cinesi probabilmente dovrà affrontare sfide

Nazionale —

La Thailandia potrebbe dover affrontare una dura battaglia per raggiungere il desiderato afflusso di arrivi dalla Cina continentale attraverso il suo prossimo programma di esenzione dal visto, principalmente a causa di diversi fattori.

L’Autorità del Turismo della Thailandia (TAT) ha riferito che la capacità di posti per i voli cinesi nell’ultimo trimestre è di circa 400,000 posti, ovvero inferiore del 50% rispetto alla capacità dello stesso periodo del 2019.

Ciò potrebbe ostacolare il piano della Thailandia di aumentare il numero di turisti cinesi a 700,000 al mese attraverso una politica di esenzione dal visto, ha dichiarato Sisdivachr Cheewarattanaporn, presidente dell'Associazione degli agenti di viaggio tailandesi.

Di conseguenza, raggiungere l'obiettivo di 5 milioni di turisti a fine anno sarà una sfida, poiché gli attuali arrivi mensili di 350,000 dovranno praticamente raddoppiare, ha sottolineato.

Inoltre, Sisdivachr ha sottolineato che molti cittadini cinesi hanno dovuto affrontare difficoltà nel richiedere il passaporto. Ciò rappresenta un ulteriore ostacolo che il governo tailandese non può affrontare senza l’assistenza di Pechino.

Una diffusa preoccupazione per la sicurezza tra i viaggiatori cinesi complica inoltre ulteriormente il raggiungimento dei risultati desiderati per il piano di esenzione dal visto. Queste preoccupazioni derivano da varie notizie false ampiamente diffuse sui media cinesi, come i furti di organi.

Sebbene la Thailandia abbia fatto qualche progresso verso il suo obiettivo di 5 milioni, con 2.28 milioni di arrivi registrati tra il 1° gennaio e il 10 settembre, si trova ad affrontare sfide sostanziali che devono essere affrontate.

Il Il programma di esenzione dal visto per i cittadini cinesi entrerà in vigore dal 25 settembre 2023 al 29 febbraio 2024.

Molti operatori turistici, soprattutto a Phuket, hanno rivolto le loro speranze ai turisti kazaki, che ne trarranno vantaggio.

La TAT prevede che quest'anno la Tailandia riceverà un numero record di 180,000-200,000 turisti kazaki.

Secondo l’ufficio immigrazione dell’aeroporto di Phuket, si è assistito a un aumento del 580% dei visitatori provenienti dal Kazakistan, raggiungendo 76,421 durante la prima metà di quest’anno.

Siripakorn Cheawsamoot, vice governatore del TAT per Europa, Africa, Medio Oriente e Americhe, ha affermato che i turisti kazaki hanno una spesa media di 4,365 baht pro capite al giorno e una durata media di soggiorno di 14 giorni, con un alto potenziale.

Rappresentano anche il mercato in più rapida espansione per la Thailandia, poiché tendono a visitare non solo durante l'inverno ma anche nei mesi estivi.

Al 10 settembre, il numero di arrivi kazaki era pari a 108,636, un aumento significativo rispetto ai 56,000 del 2019.

Siripakorn ha affermato: “Il sistema di esenzione dal visto probabilmente incoraggerà i turisti kazaki a prolungare il loro soggiorno, in particolare durante la prossima stagione invernale, quando le tariffe aeree tendono ad essere elevate”.

Ha inoltre affermato che i voli di linea tra Thailandia e Kazakistan vedranno un aumento a 14 a settimana a partire da ottobre, equamente distribuiti tra Bangkok e Phuket.

Inoltre, ha anticipato che Phuket riceverà altri 10 voli charter a settimana dalle città di primo e secondo livello del Kazakistan.

Articolo originale: Bangkok Post

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

-=-=-=-=-=-=-=–=-=-=-=-=-=-=-=

Non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter e ricevere tutte le nostre novità in un'unica e-mail giornaliera senza spam. Clicca qui! OPPURE, inserisci la tua e-mail qui sotto!

Sottoscrivi
Tanakorn Panyadee
L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.