La Thailandia trionfa nella finale del campionato asiatico di pallavolo femminile contro la Cina

FOTO: Thairath

Nazionale —

Tailandia ieri si è assicurata il primo campionato asiatico di pallavolo femminile senior dal 2013, battendo la Cina in un'intensa partita di cinque set a Nakhon Ratchasima. La Korat Chatchai Hall era piena di 5,000 fan entusiasti.

Il punteggio finale è stato 25-21, 25-27, 25-19, 20-25, 16-14.

Il capocannoniere della Thailandia è stato Chatchu-On Moksri con ben 23 punti, inclusi 21 attacchi, un muro e un asso. Ajcharaporn Kongyot e Thatdao Nuekjang hanno aggiunto rispettivamente 22 e 16 punti. Il cinese Wu Mingjie ha contribuito con 22 punti.

La squadra tailandese, guidata dagli implacabili attacchi di Ajcharaporn, inizialmente passò in vantaggio sul 8-6. Nonostante la forte rimonta della Cina, un potente picco di Chatchu-On ha assicurato il primo set.

Con un vantaggio per 1-0, la Thailandia ha giocato con maggiore fiducia nel secondo set. Nonostante l'impressionante rimonta della Cina, gli aggiustamenti strategici e il gioco determinato della Thailandia li hanno aiutati a riprendere il controllo.

Nel set decisivo entrambe le squadre hanno lottato ferocemente. La determinazione della Thailandia alla fine ha fatto la differenza, ottenendo una vittoria per 16-14.

Al 14° posto a livello mondiale, la Thailandia ha raggiunto la finale battendo in semifinale il cinque volte campione del Giappone 3-2. La Cina, con 13 titoli di campionato asiatico, si è assicurata la prima apparizione in finale dal 2015.

Le precedenti vittorie della Thailandia nel campionato asiatico risalgono al 2009 contro la Cina e al 2013 con una vittoria a sorpresa sul Giappone, entrambe a Nakhon Ratchasima.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

Tanakorn Panyadee
L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.