Il tribunale della Carta thailandese respinge la petizione dal partito Move Forward per la ri-nomina a primo ministro

Nazionale —

Mercoledì 16 agosto, la Corte costituzionale thailandese ha votato all'unanimità per ritirare la petizione del Move Forward Party, vincitore delle elezioni, per rivedere una decisione parlamentare che impediva al suo leader Pita Limjaroenrat di essere ricandidato come primo ministro.

Il tribunale ha dichiarato di dover respingere la petizione perché la petizione era stata presentata da un gruppo di oltre 20 persone che non includeva lo stesso candidato primo ministro Pita.

La corte ha spiegato: “Ogni querelante non è un individuo i cui diritti sono stati direttamente violati. Pertanto, non hanno il diritto di sporgere denuncia”.

La petizione era stata presentata dal difensore civico, che aveva ricevuto una denuncia dagli alleati del Move Forward Party dopo che il suo leader era stato respinto da 394 legislatori dalla candidatura per una carica di primo ministro per la seconda volta in Parlamento.

Con il verdetto della corte, il Parlamento si riunirà il 22 agosto per votare per un nuovo primo ministro, con il magnate immobiliare Srettha Thavisin del Pheu Thai Party come principale candidato.

Il presidente della Camera Wan Muhamad Noor Matha ha annunciato oggi la decisione e ha aggiunto che il gruppo legale parlamentare si riunirà domani per discutere la decisione della Corte costituzionale.

Questa mossa del tribunale potenzialmente infrange ogni speranza che il Move Forward Party guidi il prossimo governo. Tuttavia, apre anche la strada al Pheu Thai Party, secondo in classifica, per guidare la nazione attraverso la sua nuova coalizione.

Nel frattempo, come annunciato ieri, il Move Forward Party ha dichiarato che non voterà per il candidato Pheu Thai PM, secondo il segretario generale del partito Chaitawat Tulathon.

Chaitawat ha spiegato che i parlamentari del partito hanno percepito la formazione del nuovo governo guidato da Pheu Thai, in collaborazione con ex partiti di governo come Bhumjaithai, come un significativo allontanamento dal mandato del popolo conferito durante le elezioni del 14 maggio.

Inoltre, Chaitawat ha spiegato che l'intento alla base di questa formazione del governo non è quello di eliminare l'autorità del senato di scegliere un primo ministro, ma piuttosto si allinea con i desideri del senato e dei partiti sostenuti dalla giunta per impedire al Move Forward Party di assumere il potere.

Il partito progressista Move Forward è emerso vittorioso nelle elezioni del 14 maggio, assicurandosi 151 seggi in Parlamento, mentre il secondo classificato Pheu Thai Party ha ottenuto 141 seggi. Tuttavia, il partito ha incontrato molteplici ostacoli a causa delle sue politiche, in particolare riguardo alla modifica delle leggi sulla lesa maestà, che avevano il potenziale per interrompere i monopoli commerciali e sfidare il potere politico dei militari.

Inoltre, l'impegno del partito a modificare la legge reale sulla diffamazione (sezione 112) è stato oggetto di un severo controllo nonostante il partito si fosse impegnato più volte a rivedere la legge per impedirne solo lo sfruttamento politico.

Sono in corso anche cause legali intorno alle proposte di lesa maestà che coinvolgono il Move Forward Party e sono ancora in corso con una recente proroga di trenta giorni approvata. Questi casi potrebbero potenzialmente anche vedere importanti azioni punitive contro la parte se il tribunale si pronuncia contro di loro.

Questo articolo è originariamente apparso sul nostro sito gemello The Pattaya News.

Sottoscrivi
Adam Judd
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America. Il suo background è nelle risorse umane e nelle operazioni e da un decennio scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da circa nove anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Storie per favore e-mail [email protected] Chi siamo: https://thephuketexpress.com/about-us/ Contattaci: https://thephuketexpress.com/contact-us/