I proprietari del magazzino thailandese di fuochi d'artificio che è esploso e ha ucciso undici persone si arrendono

Narathiwat—

Una coppia thailandese proprietaria di un magazzino di fuochi d'artificio che è esploso e ha ucciso 12 persone si è consegnata alla polizia thailandese sabato 5 agosto.

Prima la nostra storia precedente:

Si sospettava che i proprietari del magazzino di fuochi d'artificio devastato fossero fuggiti in Malesia.

Ora per il nostro aggiornamento:

Il 29 luglio, un deposito di fuochi d'artificio nel distretto Su-ngai Kolok di Narathiwat è esploso causando 12 vittime, 121 feriti e danni a 292 case.

In seguito all'incidente, si ritiene che i proprietari del deposito, identificati come una coppia thailandese, il signor Sompong Nakul e la signora Piyanuch Peungwirawat, siano fuggiti in Malesia per cercare di sfuggire alle conseguenze legali.

Poco dopo l'emissione dei mandati d'arresto nei loro confronti, la coppia si è consegnata alla polizia presso la stazione di polizia di Sadao, nella provincia meridionale di Songkhla, dove ieri sono passati dalla Malesia. Sono stati poi scortati alla stazione di polizia di Muno a Narathiwat per ulteriori indagini.

I risultati di un'indagine completa sono attesi tra 7 giorni, secondo quanto riferito dai media locali di Narathiwat. Secondo quanto riferito, la coppia dovrà affrontare accuse tra cui negligenza con conseguenti vittime, insieme all'importazione e alla vendita non autorizzate di fuochi d'artificio. Queste azioni sono considerate violazioni della legge sulle armi da fuoco, munizioni, esplosivi e fuochi d'artificio.

Secondo quanto riferito, i sospetti si sono costituiti per affrontare la giustizia dopo che la paura di essere linciati a causa delle crescenti minacce di morte sui social media era stata rivolta ai sospetti. Sebbene fossero fuggiti in Malesia, la comunità musulmana affiatata della zona stava apparentemente cercando la coppia per una possibile auto-giustizia, portandoli a tornare in Thailandia.

Al momento della stampa i sospetti rimangono in custodia della polizia thailandese per affrontare l'interrogatorio e il processo giudiziario. Non è noto se saranno idonei per la cauzione, ma improbabile, osserva i media TPN.

L'esplosione dei fuochi d'artificio ha innescato una serie di ispezioni nelle fabbriche di fuochi d'artificio in tutta la Thailandia a pochi mesi dal popolare festival vegetariano in cui molti fuochi d'artificio vengono utilizzati come parte della celebrazione, specialmente nel sud della Thailandia.

L'articolo originale è originariamente apparso sul nostro sito gemello The Pattaya News.

Sottoscrivi
Adam Judd
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America. Il suo background è nelle risorse umane e nelle operazioni e da un decennio scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da circa nove anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Storie per favore e-mail [email protected] Chi siamo: https://thephuketexpress.com/about-us/ Contattaci: https://thephuketexpress.com/contact-us/