La controversa proposta di tassa turistica thailandese è stata nuovamente rinviata

Tailandia -

La riscossione della tassa di 'ingresso alla terraferma' di 300 baht è stata rinviata al 1° gennaiost del prossimo anno.

La nostra storia precedente:

La Thailandia ha in programma di riscuotere una "tassa di ingresso terrestre" di 300 baht su tutti i turisti stranieri nell'ambito del concetto di promozione del turismo "Amazing Thailand New Chapter", ha riferito un portavoce del governo il 12 gennaioth 2022.

Il Comitato Nazionale per la Politica del Turismo, sotto il Ministero del Turismo e dello Sport, ha approvato una proposta per riscuotere una tassa di circa 10 USD, o circa 300 baht, sui turisti stranieri che entrano in Thailandia nell'ambito del fondo di promozione del turismo, compresa l'assicurazione contro gli incidenti turistici e fondi per il lavoro e gli imprenditori colpiti in caso di crisi finanziaria.

Il ministro del Turismo e dello sport thailandese ha confermato che la "tariffa di ingresso alla terra" di 300 baht su tutti i turisti stranieri in visita nel Paese sarà eventualmente applicata, sottolineando che sarà utilizzata per l'assicurazione dei turisti e un fondo di emergenza per coloro che viaggiano nel Paese.

Il Ministero del Turismo e dello Sport ha deciso di posticipare la riscossione di una tassa di 'ingresso terrestre' di 300 baht fino al quarto trimestre di quest'anno e prevede di proporre la cancellazione della registrazione del 'Thailand Pass'.

La riscossione della tassa di 'ingresso alla terraferma' di 300 baht dovrebbe entrare ufficialmente in vigore nel giugno di quest'anno.

Ora per l'aggiornamento:

Il ministro provvisorio del turismo e dello sport Piphat Ratchakitprakarn ha dichiarato ai media thailandesi: "Abbiamo concordato di posticipare la riscossione della tassa di 300 baht per l'ingresso a terra, che in precedenza avrebbe dovuto entrare in vigore questo mese al 1 gennaiost del prossimo anno.”

“Quando arrivano in Thailandia i turisti dovranno pagare una tassa di 300 baht per il trasporto aereo e 150 baht per il trasporto marittimo. La tassa non verrà riscossa dagli stranieri con Border Pass, permessi di lavoro e bambini di età inferiore ai due anni”, ha aggiunto Piphat.

Il motivo specifico per il futuro rinvio non è stato fornito, tuttavia si è ipotizzato che si trattasse di una serie di problemi, tra cui un cambio di governo thailandese e problemi in precedenza che cercavano di determinare sia come elaborare la tassa sia come identificare correttamente coloro che hanno un'eccezione. Il piano è stato anche enormemente impopolare sia tra i turisti che tra le imprese turistiche.

L'articolo originale è apparso sul nostro sito gemello TPN National News.

Sottoscrivi
Adam Judd
Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America. Il suo background è nelle risorse umane e nelle operazioni e da un decennio scrive di notizie e Thailandia. Vive a Pattaya da circa nove anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore abituale da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Storie per favore e-mail [email protected] Chi siamo: https://thephuketexpress.com/about-us/ Contattaci: https://thephuketexpress.com/contact-us/