Le leggi sul controllo dell'alcol in Thailandia saranno una questione controversa nel periodo post-elettorale

Nazionale —

La Thai Alcohol Business Association, o TABA, ha annunciato venerdì scorso, 9 giugno 2023, che sostiene un emendamento delle attuali normative sul controllo dell'alcol del paese a beneficio di birrai, distillatori, turisti e consumatori.

Tuttavia, il Ministero della sanità pubblica thailandese ha proposto diversi nuovi regolamenti controversi che, secondo i critici, potrebbero danneggiare seriamente l'industria del turismo e dell'ospitalità. I sostenitori delle proposte affermano che aiuteranno a frenare i problemi legati all'alcol e alla guida in stato di ebbrezza.

La signora Khemika Ratanakul, presidente dell'associazione, ha affermato che alcune disposizioni della legge sul controllo delle bevande alcoliche dovrebbero essere modificate per allinearle all'attuale contesto sociale ed economico, in particolare il divieto di vendita di bevande alcoliche tra le 2:5 e le XNUMX:XNUMX come così come le restrizioni sulla pubblicità e la menzione o la visualizzazione di alcolici sui social media.

Il divieto di vendita di alcolici dalle 2:5 alle XNUMX:XNUMX è in vigore da circa cinquant'anni e il motivo esatto del divieto non è chiaro al giorno d'oggi con vari motivi e miti forniti spesso da funzionari e residenti in Thailandia. La legge provoca confusione e delusione soprattutto nelle zone turistiche.

Per quanto riguarda le restrizioni pubblicitarie generali, queste hanno spesso causato problemi nel corso degli anni, causando domande in giro se qualcuno semplicemente pubblicando sui propri social media personali che stavano bevendo qualcosa con gli amici fosse una violazione.

La signora Khemika ha evidenziato tre aree chiave della legge che richiedono una pronta revisione, secondo lei. Questi includono limiti di tempo per la vendita di alcolici soprattutto nelle zone turistiche, la necessità di affrontare i poteri discrezionali concessi alle autorità nell'interpretazione della legge e il riesame delle multe sostanziali imposte a coloro che non obbediscono agli ordini delle forze dell'ordine pertinenti.

Ha sollevato la questione dell'eccessivo potere concesso alle autorità nell'interpretazione della legge, esprimendo dubbi sulla garanzia di imparzialità e correttezza nel loro processo decisionale. Ha anche affermato che le forze dell'ordine hanno spesso utilizzato vaghe leggi thailandesi sull'alcol come un modo per raccogliere tangenti e incoraggiare la corruzione, specialmente da bar e night club.

"Alcune normative sono come scappatoie che danneggiano l'industria del turismo del paese, consentendo anche tangenti e corruzione", ha affermato. "Il Paese richiede regole chiare e concise e non c'è spazio per ambiguità".

L'associazione si è anche opposta a una nuova versione della legge sul controllo dell'alcol proposta dall'attuale Ministero della sanità pubblica, aggiungendo che è troppo dura e rovinerà sia i consumatori thailandesi che gli operatori commerciali, in particolare quelli che gestiscono bar e ristoranti.

Queste proposte in sostanza, osserva The Pattaya News, significherebbero che il consumo di alcolici dopo la mezzanotte nei ristoranti e nei bar sarebbe contro le regole del ministero della salute pubblica. Pertanto, indipendentemente dagli orari di chiusura legali o se un locale smette di servire alcolici a mezzanotte, qualsiasi consumo di alcolici in un locale potrebbe comportare multe e irruzioni da parte delle autorità e dei funzionari competenti.

La proposta è stata ampiamente stroncata dalle associazioni dell'ospitalità e del turismo ancora in ripresa dopo il Covid-19, che da un anno si battono per estendere legalmente gli orari di chiusura legale e gli orari di consumo di alcolici nelle zone di intrattenimento. Tuttavia, le associazioni anti-alcol hanno continuato a combattere qualsiasi modifica della legge, anche in zone turistiche come Pattaya e Phuket, sostenendo che aumenterà la guida in stato di ebbrezza.

“Le misure di controllo dell'alcol devono essere adattate al contesto attuale sia dei mezzi di sussistenza che delle carriere. Attraverso la collaborazione per trovare soluzioni efficaci da vari settori, i regolamenti devono promuovere una concorrenza leale e incoraggiare un comportamento responsabile nel consumo di alcol", ha affermato Khemika.

La Thai Alcohol Business Association sostiene la legge progressista sui liquori del Move Forward Party in quanto creerà regole più eque per la produzione di alcol, darà ai consumatori più libertà e ridurrà la corruzione, secondo loro.

Il Move Forward Party sostiene anche la rimozione del divieto di vendita di alcolici dalle 2:5 alle 24:XNUMX, l'estensione dell'orario legale di chiusura di bar e ristoranti e la trasformazione di aree come Pattaya in una zona di intrattenimento aperta XNUMX ore su XNUMX, come richiesto dagli operatori della vita notturna.

Move Forward ha anche proposto di porre fine al divieto di alcol durante le festività religiose, affermando che viola la libertà religiosa garantita dalla costituzione thailandese e ferisce gli imprenditori del turismo e dell'ospitalità.

Una cosa è certa… Le leggi sull'alcol saranno sicuramente un importante dibattito politico e una questione nel prossimo futuro mentre si forma il nuovo governo thailandese, proprio come la regolamentazione sulla cannabis.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

-=-=-=-=-=-=-=–=-=-=-=-=-=-=-=

Partecipa alla discussione nel nostro gruppo Facebook https://www.facebook.com/groups/438849630140035/o nei commenti qui sotto.

Sottoscrivi
Tanakorn Panyadee
L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.