Move Forward Party promette protezione legale per gli operatori commerciali e i coltivatori di cannabis thailandesi registrati

FOTO: Siam Rath

Nazionale —

La vice leader del Move Forward Party (MFP), la signora Sirikanya Tansakun, ha affermato giovedì 25 maggio che i coltivatori di marijuana registrati e gli operatori commerciali sarebbero legalmente protetti anche quando il nuovo governo riclassificherà la marijuana come narcotico.

Alla conferenza stampa di ieri, la signora Sirikanya, potenziale ministro del commercio per la MFP, ha affermato che l'obiettivo della MFP di ri-designare la cannabis nell'elenco dei narcotici è consentire alla polizia e all'Ufficio del Consiglio di controllo degli stupefacenti di lavorare pienamente per controllare l'uso improprio di cannabis, un lavoro che è stato lasciato incompiuto dal governo provvisorio.

L'obiettivo non sarebbe quello di vietare o chiudere completamente tutte le attività di cannabis e iniziare ad arrestare e addebitare i consumatori, secondo la signora Sirikanya.

Dopo aver utilizzato un regolamento ministeriale del Ministero della sanità pubblica per reinserire la pianta nell'elenco, il nuovo governo adotterà immediatamente nuove leggi per controllare l'uso, la produzione, la coltivazione, l'importazione e l'esportazione di marijuana, proteggendo contemporaneamente la marijuana registrata attualmente autorizzata coltivatori e operatori del settore come dispensari legalmente.

La signora Sirikanya ha dichiarato: “Insisto che anche gli operatori del settore della cannabis e i coltivatori di marijuana saranno protetti e autorizzati a svolgere i propri affari come al solito, purché si siano registrati e abbiano il permesso di farlo. Verrà emesso un annuncio adeguato per garantire che ciò e le forze dell'ordine saranno sulla stessa pagina.

La sua affermazione ha fatto seguito alle crescenti preoccupazioni tra molti gruppi di operatori commerciali e coltivatori legati alla cannabis, dopo che i partner della coalizione guidati dall'MFP hanno affermato nel memorandum d'intesa che avrebbero riclassificato la cannabis come narcotico.

A rivenditore di marijuana nella provincia di Nonthaburi ha detto ai media thailandesi che sarebbe "sfida" che la marijuana diventi di nuovo completamente illegale perché un ampio gruppo della popolazione thailandese ora usa la marijuana per scopi medicinali e dichiaratamente ricreativi e milioni di thailandesi stanno ora coltivando piante a casa.

Se la marijuana diventasse di nuovo una sostanza controllata, avrebbe un impatto drastico su coloro che fanno affidamento su di essa per condizioni mediche, come i bambini con epilessia che richiedono olio di CBD, ha affermato il proprietario dell'azienda. Inoltre, tentare di multare o arrestare milioni di thailandesi con una piccola quantità di marijuana potrebbe essere un incubo logistico.

C'era anche una preoccupazione significativa che alcuni poliziotti corrotti potessero prendere di mira i consumatori stranieri e i turisti di marijuana per estorsioni con tariffe esorbitanti e minacce di prigione, come lo svapo, se reinseriti come stupefacente.

Tuttavia, la signora Sirikanya ha assicurato che gli operatori del settore e i coltivatori di marijuana che si sono registrati correttamente presso il governo non dovrebbero essere preoccupati.

Ha evitato di affrontare direttamente il problema della cannabis ricreativa e non ha affrontato immediatamente le preoccupazioni secondo cui se la pianta fosse stata trasformata in un narcotico, ciò avrebbe significato che i clienti o gli utenti potrebbero essere presi di mira. Tuttavia, ha affermato che lo scopo di renderlo un narcotico era fornire un quadro legale temporaneo per la regolamentazione e principalmente per fermare i venditori ambulanti senza licenza e il contrabbando / l'importazione illegale, non per reprimere gli utenti o chiudere le attività.

Con oltre 12,000 aziende di cannabis autorizzate, milioni di coltivatori e registrazioni e un favorito dai turisti, saranno necessarie rassicurazioni. Alcune aziende rimangono diffidenti, temendo che nel momento in cui la pianta verrà rimessa in vendita come stupefacente potrebbe ancora aver luogo un giro di vite, sottolineando che è legalmente possibile.

Il piano del Move Forward Party per consentire alle attuali attività commerciali autorizzate di rimanere aperte non è piaciuto a tutti, come il famoso attivista anti-cannabis ed ex politico Chuwit. Continua a chiedere, come abbiamo spiegato qui, la chiusura di tutti i dispensari entro 100 giorni dalla formazione del nuovo governo e il divieto totale di qualsiasi uso ricreativo.

Ciò sembra improbabile, tuttavia, poiché MFP continua a rassicurare investitori, utenti, agricoltori e imprenditori nervosi.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

-=-=-=-=-=-=-=–=-=-=-=-=-=-=-=

Hai bisogno di consulenza legale o di un avvocato? Possiamo aiutare. Clicca qui.

Per ulteriori informazioni sull'elenco di una proprietà con noi, fare clic qui.

Tanakorn Panyadee
L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.