La polizia thailandese di alto livello continua ad avvertire che lo svapo è illegale anche se continua il dibattito sulle leggi sullo svapo

Nazionale —

Un alto ufficiale di polizia thailandese del dipartimento legale e contenzioso ha affermato che chiunque venga sorpreso a trasportare sigarette elettroniche o vaporizzatori può essere multato fino a 500,000 baht e ottenere una pena detentiva massima di cinque anni.

pol. Il tenente generale Trairong Phiewphan, capo del dipartimento, ha dichiarato mercoledì 1 febbraio che le sigarette elettroniche, note anche come vaporizzatori, sono prodotti proibiti, che non possono essere importati nel Regno, secondo le direttive 2014 e 2016 del Ministero del Commercio .

Le dichiarazioni arrivano dopo diversi casi di alto profilo di presunta estorsione come questa con un'attrice taiwanese ed questo con un gruppo di turisti cinesi ha colpito le notizie tailandesi.

Le persone con sigarette elettroniche in loro possesso, pertanto, violano la legge per l'accettazione o il possesso di prodotti proibiti e possono essere multate fino a 500,000 baht e/o ottenere una pena detentiva fino a cinque anni in linea con la Sezione 246 e la Sezione 244 del Legge doganale 2017, ha affermato Pol. Il tenente generale Trairong.

L'ufficiale ha continuato dicendo che anche i vaporizzatori sono considerati sigarette perché immettono nicotina nel corpo dell'utente secondo la Sezione 4 del Tobacco Products Control Act del 2017, il che significa che è illegale per gli utenti di vaporizzatori fumare vaporizzatori in un'area proibita.

I trasgressori possono affrontare una multa fino a 5,000 baht, ha detto Trairong.

Ha aggiunto che la legge può essere modificata in futuro per tenere il passo con le tendenze in evoluzione, ma ha osservato che la polizia ha il dovere di far rispettare le leggi attuali registrate. Ciò avviene quando alcuni politici hanno chiesto che le leggi vengano modificate di recente, come si vede qui.

Le note di Pattaya News insieme alle informazioni dei nostri partner legali qui a Isaan Lawyers che svapano in Thailandia è un argomento controverso da tempo, soprattutto di recente, con molti paesi e regioni in tutto il mondo che hanno adottato misure per limitarne o vietarne l'uso.

La Thailandia è uno di questi paesi, con il governo tailandese reale che ha annunciato che è completamente illegale possedere, vendere o utilizzare qualsiasi tipo di sigaretta elettronica o dispositivo di svapo.

Questo divieto è stato implementato nel 2014 e da allora non è stato modificato. La Thailandia ha implementato le leggi sullo svapo per proteggere il pubblico da eventuali rischi per la salute associati all'attività.

Lo svapo, che si riferisce all'inalazione di un aerosol prodotto da un dispositivo come una sigaretta elettronica, è stato oggetto di controversia in Thailandia negli ultimi tempi.

Preoccupato per le implicazioni sulla salute dello svapo, il governo thailandese ha deciso di introdurre una serie di misure legali per limitare l'attività, ad esempio chiunque desideri svapare in Thailandia deve prima ottenere una licenza dal ministero della salute.

La licenza è concessa solo a persone di età superiore ai 18 anni e richiede al richiedente di fornire la prova della propria età, superare una visita medica e fornire una dichiarazione scritta di consenso del proprio medico. Per ulteriori informazioni è possibile contattare Isaan Lawyers qui.

È importante notare che mentre l'attrezzatura per lo svapo può ancora essere acquistata in Thailandia, è illegale e il tentativo di acquistarla può portare a gravi conseguenze.

Inoltre, le autorità potrebbero non chiudere sempre un occhio sulla sua vendita e potresti essere arrestato e accusato anche se lo acquisti da un venditore locale.

È illegale anche vendere prodotti per lo svapo ai minori di età, con sanzioni che vanno dalla multa alla reclusione.

Coloro che vengono sorpresi a possedere o utilizzare qualsiasi attrezzatura per lo svapo possono affrontare il carcere e multe salate. Se catturati, una delle prime cose da fare è contattare un avvocato come Issan Lawyers per assistenza qui.

Sebbene l'acquisto di apparecchiature per lo svapo in Thailandia sia tecnicamente ancora possibile, si consiglia vivamente ai viaggiatori di evitare qualsiasi coinvolgimento con le apparecchiature per lo svapo evitare problemi legali. È inoltre importante che le agenzie di viaggio e i tour operator forniscano adeguate avvertenze ai propri ospiti per garantire la loro sicurezza.

Inoltre, è illegale svapare in luoghi pubblici, come uffici, istituti scolastici, ospedali, aeroporti e trasporti pubblici. I trasgressori possono essere multati per un massimo di 1,000 baht o mandati in prigione per un massimo di 30 giorni.

Quelli trovato a violare questa legge in Thailandia deve affrontare gravi conseguenze. Sia i cittadini stranieri che i cittadini thailandesi possono essere soggetti ad arresto e carcere, oltre che a multe. Questo vale per i viaggiatori che portano con sé qualsiasi tipo di attrezzatura per lo svapo, così come per i venditori che tentano di venderla.

Inoltre, il governo britannico ha emesso un avvertimento ai suoi cittadini, affermando che chiunque venga sorpreso a utilizzare o vendere questi dispositivi in ​​Thailandia può incorrere in multe e sanzioni severe.

Con ulteriori informazioni dai nostri partner legali, Issan Lawyers.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

-=-=-=-=-=-=-=–=-=-=-=-=-=-=-=

Non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter e ricevere tutte le nostre novità in un'unica e-mail giornaliera senza spam. Clicca qui! OPPURE, inserisci la tua e-mail qui sotto!

Aiutaci a sostenere il Phuket Express nel 2023!

Hai bisogno di un'assicurazione medica o di viaggio per il tuo viaggio in Thailandia? Possiamo aiutare!

Goongnang Suksawat
Goong Nang è un traduttore di notizie che ha lavorato professionalmente per diversi organi di informazione in Tailandia per molti anni e ha lavorato con The Pattaya News per più di quattro anni. È specializzato principalmente in notizie locali per Phuket, Pattaya e anche in alcune notizie nazionali, con particolare attenzione alla traduzione dal tailandese all'inglese e lavorando come intermediario tra giornalisti e scrittori di lingua inglese. Originario di Nakhon Si Thammarat, ma vive a Phuket e Krabi tranne quando fa il pendolare tra i tre.