La Thailandia prevede di offrire vaccini COVID ai turisti cinesi, l'India si appresta a imporre il test Covid prima della partenza su cinque paesi asiatici

FOTO: Thansettakij

Nazionale —

 Il ministro thailandese della sanità pubblica ha rivelato che i funzionari thailandesi stanno pianificando di offrire ai turisti cinesi un richiamo contro il Covid-19 quando arriveranno l'8 gennaio 2023.

Anutin Charnvirakul, il ministro della Salute thailandese, ha dichiarato alla stampa thailandese che i vaccini AstraZeneca saranno somministrati ai turisti cinesi che sono disposti a pagare quando arrivano in Thailandia dopo che la Cina ha revocato i limiti di viaggio l'8 gennaio.

Questa politica non è obbligatoria e ai turisti cinesi verrà chiesto solo di rispettare le norme di base proprio come gli altri arrivi stranieri.

A differenza della Thailandia, i test RT-PCR per Covid-19 per i viaggiatori sia in entrata che in uscita sono ancora in vigore in Cina al momento della stampa, quindi il ministro non si aspetta che un improvviso afflusso di turisti cinesi si riversi in Thailandia. Tuttavia, alcuni test verranno rimossi entro l'8 gennaio in Cina.

L'Autorità del turismo della Thailandia (TAT) prevede di vedere circa 300,000 arrivi cinesi nel primo trimestre del 2023. Per quanto riguarda i thailandesi, dovrebbero assicurarsi che abbiano ricevuto almeno quattro dosi del vaccino Covid-19, ha affermato Anutin, aggiungendo che le imprese dovrebbe anche disporre di efficaci controlli delle malattie.

Wichit Kaewsaithiam, direttore dell'aeroporto di Chiang Mai, ha affermato che i voli diretti tra la Cina e Chiang Mai riprenderanno immediatamente l'8 gennaio. Alcune compagnie aeree stanno già pianificando di offrire voli tra Shanghai e Chiang Mai, ha affermato.

Nel frattempo, l'India sta pianificando di imporre test RTPCR prima della partenza ai turisti in arrivo da cinque paesi asiatici: Singapore, Giappone, Hong Kong, Cina, Corea, e Thailandia.

Secondo le ultime linee guida emesse dal ministero della salute e del benessere della famiglia dell'Unione indiana, questa mossa sarà applicata il 1° gennaio 2023. L'ordine diceva: "Un requisito obbligatorio per i test RT-PCR prima della partenza (da condurre entro 72 ore prima di intraprendere il viaggio) viene introdotto per i passeggeri che arrivano con tutti i voli internazionali da questi paesi”.

Ciò influenzerà in modo significativo il numero di arrivi di turisti indiani in Thailandia poiché i turisti indiani costituiscono la percentuale maggiore di arrivi di turisti per via aerea in Thailandia, secondo il TAT.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

-=-=-=-=-=-=-=-=-===-=-=-=–=–=–=–==-

Seguici su FacebookTwitterGoogle NewsInstagramTiktokYoutubePinterestFlipboard, o Tumblr

Unisciti a noi on LINE per gli avvisi di rottura!

oro, unisciti a noi su Telegram per gli avvisi di rottura!

 

Tanakorn Panyadee
L'ultimo traduttore di notizie locali su The Pattaya News. Aim è un ventiduenne che attualmente vive e studia il suo ultimo anno di college a Bangkok. Interessato alla traduzione in inglese, alla narrazione e all'imprenditorialità, crede che il duro lavoro sia una componente indispensabile di ogni successo in questo mondo.