Cannabis e canapa diventeranno una nuova tendenza turistica in Thailandia e un soft power positivo, afferma il parlamentare Bhumjaithai

Bangkok –

Suphachai Jaismut, parlamentare quotato al partito Bhumjaithai e membro del Comitato di redazione del Cannabis Act, ha insistito sul fatto che la depenalizzazione della cannabis e della canapa diventerà una nuova tendenza turistica per la Thailandia piuttosto che un soft power negativo.

Ha scritto la sua dichiarazione online ieri, 14 luglio, che la marijuana diventerà sicuramente un soft power per il paese e un nuovo tipo di attrazione turistica.

Ha dichiarato: "La prova è che, nonostante la spinta alla legalizzazione della cannabis, la Radio aeronautica della Thailandia prevede circa 430,000 voli per la Thailandia entro la fine dell'anno. Ciò indica che i turisti non sono preoccupati per la politica sulla cannabis. Devono aver studiato cosa si può e cosa non si può fare mentre si è in Thailandia prima di viaggiare qui. Devono già essere a conoscenza della marijuana e devono già sapere dove si trova il suo limite di utilizzo".

Suphachai ha anche menzionato il "Turismo della cannabis" precedentemente applicato in diversi paesi e il sondaggio "2020 MMGY Travel Intelligence and Enlighten Strategies" che ha rivelato che il 29% dei viaggiatori di piacere è interessato al turismo legato alla cannabis. Ha anche citato i dati di onceinlife.co, un famoso sito di media di viaggio, secondo cui la spesa dei turisti che visitano gli Stati Uniti per sperimentare l'uso di cannabis è stata di 4.5 miliardi di dollari nel 2021.

“La marijuana è sicuramente una 'opportunità' in Thailandia. Qualsiasi paese che coglie tale opportunità per trarne il massimo beneficio è il paese che la implementa. Fortunatamente, la Thailandia è quel paese", ha aggiunto.

Questa è probabilmente una buona notizia per molti fan della cannabis poiché Supachai è un membro di spicco del comitato che lavora sulle regole e i regolamenti permanenti per l'uso della cannabis in Thailandia. Mentre i funzionari continuano a insistere sul fatto che la depenalizzazione della marijuana è intesa solo per uso medico, in realtà ha anche sostanzialmente legalizzato l'uso ricreativo privato domestico. L'uso pubblico è vietato dalle normative sul fastidio incentrate sul fumo.

Supachai ha risposto ai critici che hanno affermato online che la depenalizzazione della marijuana potrebbe danneggiare il turismo e spaventare i turisti preoccupati per la droga, cosa con cui è fermamente in disaccordo. Molti di questi critici provenivano da gruppi religiosi che erano personalmente in disaccordo con la legalizzazione per motivi religiosi.

La versione originale di questo articolo è apparsa sul nostro sito web gemello, The Pattaya News, di proprietà della nostra società madre TPN media.

-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=–=–=–=–==-

Hai bisogno di un'assicurazione Covid-19 per il tuo prossimo viaggio in Thailandia? Clicca qui.

Seguici su Facebook

Unisciti a noi on LINE per gli avvisi di rottura!

Scrittore di notizie nazionali presso The Pattaya News. Nata e cresciuta a Bangkok, Nop ama raccontare storie della sua città natale attraverso parole e immagini. La sua esperienza educativa negli Stati Uniti e la sua passione per il giornalismo hanno plasmato i suoi interessi genuini per la società, la politica, l'istruzione, la cultura e l'arte.