Ex-pat Insider 2022 di InterNations afferma che la Thailandia è una destinazione conveniente e amichevole per gli espatriati, l'8a migliore al mondo

•Lo sono Messico, Indonesia, Taiwan, Portogallo, Spagna, Emirati Arabi Uniti, Vietnam, Tailandia, Australia e Singapore
le migliori destinazioni per espatriati nel 2022.
• Le peggiori destinazioni per gli espatriati sono Kuwait (52°), Nuova Zelanda, Hong Kong, Cipro, Lussemburgo,
Giappone, Sud Africa, Turchia, Italia e Malta (43°).
• La Thailandia è all'8° posto su 52: finanza e opzioni per il tempo libero non sono un problema per gli espatriati, ma faticano
con la loro vita lavorativa.

Monaco di Baviera, 12 luglio 2022 — Per la nona volta, internations, la più grande comunità di espatriati al mondo con oltre 4 milioni di membri, ha pubblicato i risultati del suo Insider degli espatriati indagine. Con quasi 12,000 intervistati, è uno dei sondaggi più estesi sulla vita e il lavoro all'estero e fornisce approfondimenti sulla vita degli espatriati in 52 destinazioni. Il sondaggio offre informazioni approfondite sulla soddisfazione degli espatriati nei confronti del Qualità della vita, Facilità di ambientamento, Lavorare all'esteroe Personal Finance nei rispettivi paesi di residenza. Per la prima volta la classifica include anche le novità Indice degli elementi essenziali per gli espatriati, che copre la vita digitale, argomenti di amministrazione, alloggi e lingua.

La Thailandia è al 8° posto su 52 destinazioni nel Insider degli espatriati 2022 indagine. Il paese eccelle nell'indice di finanza personale (4°) e perde di poco un posto nella top 10 dell'indice di facilità di regolamento (11°). Sebbene si comporti bene anche nell'Expat Essentials Index (18°), la Thailandia si colloca solo in un mediocre 35° posto nell'indice di qualità della vita. Si colloca persino tra le ultime 10 posizioni nell'indice Working Abroad (45°). Complessivamente, il 77% degli espatriati è soddisfatto della propria vita in Thailandia, rispetto al 71% a livello globale. 

Messico (1°), Indonesia (2°) e Taiwan (3a) costituiscono le prime 3 destinazioni e si classificano tutte molto bene negli indici di facilità di regolamento e finanza personale. D'altra parte, le ultime 3 destinazioni, Kuwait (52 °), Nuova Zelandae 香港, tutti si comportano male in termini di finanze personali per gli espatriati. Mentre il Kuwait è tra le peggiori destinazioni al mondo sotto tutti i punti di vista, gli espatriati in Nuova Zelanda lottano con la loro carriera e quelli di Hong Kong non sono contenti dell'ambiente locale.  

Nessun problema di denaro 

Le finanze personali sono un gioco da ragazzi per gli espatriati in Thailandia e votano il paese al quarto posto nell'indice delle finanze personali. In effetti, la maggior parte degli espatriati (85%) ritiene che il proprio reddito familiare disponibile sia sufficiente o più che sufficiente per condurre una vita confortevole (contro il 72% a livello globale). “I tuoi soldi vanno decisamente lontano,” riferisce un espatriato britannico. Gli espatriati votano la Thailandia al terzo posto per il costo generale della vita: il 71% è soddisfatto di questo fattore, 26 punti percentuali in più rispetto alla media globale (45%). Pertanto, non sorprende che il 70% sia soddisfatto della propria situazione finanziaria in generale (contro il 60% a livello globale). Anche l'alloggio non è un problema e anche la Thailandia è al primo posto in questa sottocategoria. Gli espatriati lo descrivono sia conveniente (74% contro 39% a livello globale) che facile da trovare (85% contro 54% a livello globale).  

Barriere amministrative 

A parte l'alloggio, gli espatriati non sono molto contenti dei fattori esaminati nell'Expat Essentials Index (18°). La Thailandia si colloca nell'ultimo 10 della sottocategoria Digital Life (43a) e gli espatriati sono particolarmente scontenti della disponibilità di servizi amministrativi/governativi online (43% insoddisfatto rispetto al 21% a livello globale). “Sono tutte scartoffie per tutto,” spiega un espatriato cileno. Complessivamente, più della metà (51%) ha difficoltà a trattare con la burocrazia/autorità locali, rispetto al 39% a livello globale.  

Mentre il 70% trova facile vivere in Thailandia senza parlare la lingua locale (contro il 51% a livello globale), il 68% fatica ad impararla (contro il 38% a livello globale). “Non riesco proprio a imparare la lingua," dice un espatriato britannico. Infatti, il 78% parla poco la lingua (54% contro 25% a livello globale) o per niente (24% contro 10% a livello globale).  

Connessioni facili da realizzare 

L'indice di facilità di ambientamento (11°) è un vero punto culminante, tuttavia, e gli espatriati valutano la Thailandia particolarmente bene nella sottocategoria di cordialità locale (8°). La maggioranza (86%) ritiene che i residenti siano generalmente amichevoli (contro il 66% a livello globale) e un altro 81% li descrive come amichevoli nei confronti dei residenti stranieri (contro il 65% a livello globale). “Ho trovato i thailandesi molto amichevoli e accoglienti con me che vivono nel loro paese ". spiega un espatriato del Regno Unito. Gli espatriati classificano anche la Thailandia tra le prime 10 nella sottocategoria Finding Friends (8a). Amano la loro vita sociale (69% soddisfatto vs. 56% a livello globale) e più della metà (52%) afferma che fare amicizia locale è facile, rispetto al 42% a livello globale.

Eccellenti opzioni per il tempo libero e assistenza sanitaria 

L'indice di qualità della vita (35°) è un miscuglio: quando si tratta di opzioni per il tempo libero (5°), gli espatriati sono particolarmente felici. Votano il paese secondo al mondo per la sua varietà culinaria e opzioni per la ristorazione, battuto solo dal Messico. “La cosa che mi piace di più finora è la loro varietà di cibo,” dice un vietnamita espatriato. “Adoro provare nuovi cibi ogni volta che ho tempo libero.Oltre tre espatriati su quattro (77%) sono soddisfatti della cultura e della vita notturna in Thailandia, rispetto al 67% a livello globale. 

Gli espatriati amano anche l'assistenza sanitaria in Thailandia: il paese perde di poco un posto tra i primi 10 nella sottocategoria Salute e benessere (11a). Più di tre quarti degli espatriati (77%) affermano di avere accesso a tutti i tipi di servizi sanitari di cui hanno bisogno (contro il 67% a livello globale). La maggior parte afferma inoltre che l'assistenza medica è facilmente disponibile (84% contro 73% a livello globale) e di buona qualità (85% contro 72% a livello globale).  

Preoccupazioni per l'ambiente e la sicurezza 

D'altra parte, la sottocategoria Ambiente e clima (44a) è una delle principali preoccupazioni per gli espatriati in Thailandia. Due espatriati su cinque (40%) credono che il governo lo faccia non politiche di sostegno a tutela dell'ambiente, più del doppio della media mondiale (18%). “Le persone non sono abbastanza consapevoli dell'inquinamento ed è triste vedere la natura viziata dai rifiuti,” riporta un espatriato francese. Inoltre, il 45% valuta negativamente la qualità dell'aria (contro il 19% a livello globale) e il 32% non è soddisfatto dell'ambiente urbano 

(elementi come spazi verdi, livelli di rumore e architettura eco-compatibile), rispetto al 17% a livello globale. “C'è inquinamento atmosferico e parchi e spazi verdi limitati,” spiega un espatriato olandese. L'unico vero punto forte è il clima e il tempo, che sono valutati positivamente dalla maggior parte degli espatriati (82% contro il 62% a livello globale).  

Anche la sottocategoria Safety & Security (47a) riceve risultati contrastanti. In generale, l'85% degli espatriati si sente personalmente al sicuro in Thailandia (contro l'81% a livello globale). Ma il 37% è scontento della stabilità politica del Paese (contro il 15% a livello globale) e il 44% pensa di non poter esprimere apertamente se stesso e le proprie opinioni (contro il 18% a livello globale).  

Lavoratori infelici 

La Thailandia registra la performance peggiore nell'indice Working Abroad (45°). Gli espatriati votano il paese tra gli ultimi 10 della sottocategoria Cultura del lavoro e soddisfazione (48a). Secondo loro, la cultura imprenditoriale locale non incoraggia la creatività (41% contro 26% a livello globale), né promuove il lavoro indipendente (45% contro 28% a livello globale). Gli espatriati sono anche particolarmente delusi quando si tratta di prospettive di carriera (45°). Quasi due su cinque (38%) non sono soddisfatti del mercato del lavoro locale (contro il 27% a livello globale) e solo il 41% afferma che il trasferimento in Thailandia ha migliorato le proprie prospettive di carriera (contro il 60% a livello globale).  

Gli espatriati classificano anche la Thailandia tra gli ultimi 10 per stipendio e sicurezza del lavoro (46 °). Più di tre su dieci (31%) sono scontenti dello stato dell'economia locale, rispetto a solo il 17% a livello globale. Inoltre, un espatriato su quattro (25%) non è soddisfatto della propria sicurezza del lavoro (contro il 20% a livello globale). Tuttavia, il 35% degli espatriati non deve preoccuparsi di questo, poiché è già in pensione, rispetto alla media globale del 10% dei pensionati. In effetti, il 19% degli espatriati in Thailandia si è trasferito lì appositamente per andare in pensione, rispetto a solo il 3% a livello globale.  

Secondo l' Insider degli espatriati 2022 risultati del sondaggio, Messico (1°), Indonesia, Taiwan, Portogallo, Spagna, Emirati Arabi Uniti, Vietnam, Thailandia, Australia e Singapore (10°) sono le migliori destinazioni per gli espatriati. La cima 5 destinazioni si distinguono per Facilità di Insediamento e Finanza Personale. Tendono anche a funzionare bene nell'indice Expat Essentials. Sebbene tutti si trovino a metà campo nell'indice Working Abroad, i loro risultati nell'indice di qualità della vita sono alquanto contrastanti. Spagna (1°), Taiwan e Portogallo sono i primi 3 posti al mondo, ma gli espatriati in Messico (24°) e Indonesia (41°) non sono soddisfatti della qualità della vita locale.  

Le peggiori destinazioni per gli espatriati sono Kuwait (52°), Nuova Zelanda, Hong Kong, Cipro, Lussemburgo, Giappone, Sud Africa, Turchia, Italia e Malta (43°). Il Kuwait è tra le peggiori destinazioni del mondo sia in ogni singolo indice che nella classifica generale. Inoltre, tutte le ultime 5 destinazioni hanno una performance medio-bassa negli indici Working Abroad e Personal Finance. Sebbene l'Italia sia un'eccezione per quanto riguarda le finanze personali (33a), si classifica solo al 48esimo posto nell'indice Expat Essentials. 

A proposito di InterNations Insider degli espatriati 2022 Indagine  

Per il suo annuale Insider degli espatriati sondaggio, InterNations ha chiesto a 11,970 espatriati in rappresentanza di 177 nazionalità e residenti in 181 paesi o territori di fornire informazioni su vari aspetti della vita degli espatriati, nonché sul loro sesso, età e nazionalità. Ai partecipanti è stato chiesto di valutare fino a 56 diversi aspetti della vita all'estero su una scala da uno a sette. Il processo di valutazione ha enfatizzato la soddisfazione personale degli intervistati per questi aspetti, considerando con uguale peso sia i temi emotivi sia gli aspetti più fattuali. Le valutazioni degli intervistati sui singoli fattori sono state quindi raggruppate in varie combinazioni per un totale di 16 sottocategorie e i loro valori medi sono stati utilizzati per elaborare cinque indici di attualità: qualità della vita, facilità di ambientamento, lavoro all'estero, finanza personale e Elementi essenziali per espatriati. Questi indici sono stati ulteriormente mediati insieme alla felicità generale degli espatriati per la loro vita all'estero al fine di classificare 52 destinazioni di espatriati in tutto il mondo. Nel 2022, i primi 10 sono Messico, Indonesia, Taiwan, Portogallo, Spagna, Emirati Arabi Uniti, Vietnam, Thailandia, Australia e Singapore.  

Per essere presenti negli indici e, di conseguenza, nella classifica generale, era necessario un campione di almeno 50 partecipanti al sondaggio per destinazione.  

A proposito di InterNazioni  

Con oltre 4 milioni di membri in 420 città in tutto il mondo, internations è la più grande comunità globale e una fonte di informazioni per le persone che vivono e lavorano all'estero. InterNations offre networking e socializzazione globali e locali, sia online che faccia a faccia. Con circa 6,000 eventi e attività al mese, gli espatriati hanno l'opportunità di incontrare altre menti globali. I servizi online includono forum di discussione e articoli utili con esperienze personali di espatriati, suggerimenti e informazioni sulla vita all'estero. L'adesione avviene solo per approvazione per garantire che rimaniamo una comunità di fiducia. InterNations fa parte di New Work SE, un gruppo di marchi che offrono prodotti e servizi per una migliore vita lavorativa. 

Trovate maggiori informazioni su InterNations sul nostro premere pagina, nel nostro blog aziendale, o nel nostro rivista. www.internations.org

Clicca QUI per un grafico PDF che dettaglia la classifica della Thailandia!

oro,

CLICCA QUI per una classifica generale e una classifica in tutto il mondo!

Quello che precede è un comunicato stampa pubblicato con piena autorizzazione e autorizzazione dalle organizzazioni elencate nel materiale PR e nei media TPN. Le dichiarazioni, i pensieri e le opinioni dell'organizzazione coinvolta nel comunicato stampa sono interamente propri e potrebbero non rappresentare necessariamente quelli dei media TPN e del suo personale.

Mr. Adam Judd è il comproprietario di TPN media da dicembre 2017. È originario di Washington DC, America. Il suo background è in risorse umane e operazioni e da un decennio scrive di notizie e Thailandia. Ha vissuto a Pattaya per circa otto anni come residente a tempo pieno, è ben noto a livello locale e visita il paese come visitatore regolare da oltre un decennio. Le sue informazioni di contatto complete, comprese le informazioni di contatto dell'ufficio, sono disponibili nella nostra pagina Contattaci di seguito. Storie per favore e-mail [email protected] Chi siamo: https://thephuketexpress.com/about-us/ Contattaci: https://thephuketexpress.com/contact-us/