Il governo thailandese annulla Test and Go, riduce gli orari legali per bere e più riepilogativo delle riunioni Covid

nazionale –

Punti salienti dei cambiamenti

  • Test and Go non c'è più, non è richiesta la prenotazione anticipata degli hotel (ad eccezione dei non vaccinati). AKA nessun test Covid-19 obbligatorio prima o dopo l'arrivo.

  • Thailand Pass rimane principalmente per dimostrare lo stato di assicurazione e vaccinazione

  • I locali che servono alcolici possono rimanere aperti fino a mezzanotte, anche se continuano a essere convertiti in ristoranti e non legalmente bar o locali notturni

  • Assicurazione obbligatoria ridotta a 10,000 USD

  • In vigore dal 1 maggio

L'assemblea generale del Center for Covid-19 Situation Administration, presieduta dal primo ministro Prayut Chan-O'Cha, ha annunciato l'annullamento dello schema "Test&Go" e l'allentamento della zonizzazione nelle aree controllate (zone arancioni), a partire dal 1 maggio.

Innanzitutto, Rimarrà il Thailand Pass, principalmente per verificare lo stato di vaccinazione e la prova dell'assicurazione. Questo sarà continuamente valutato. Anche il Thailand Pass sarà momentaneamente sospeso per aggiornare il sistema alle nuove regole, che inizieranno il primo maggio. Coloro che hanno già prenotato dovranno informarsi individualmente con hotel/Thailand Pass su potenziali rimborsi o clausole "nonno" dopo il 1° maggio. Entro il 1 maggio si applicheranno tutte le norme vigenti.

A seguito della rottamazione dello schema 'Test&Go', tutti i test Covid-19 obbligatori per i viaggiatori vaccinati sono stati cancellati all'arrivo nel Regno ed è consigliato (ma non obbligatorio) un solo test di auto-ATK durante il soggiorno. Se viene rilevata un'infezione, sono tenuti a sottoporsi al trattamento attraverso il processo assicurativo. In sostanza, una volta entrati in Thail

Per i turisti non vaccinati, è richiesto un test RT-PCR il 4°-5° giorno dall'arrivo in Thailandia. Se negativo, durante il soggiorno viene consigliato un test di auto-ATK (antigene rapido). Se viene rilevata un'infezione, sono tenuti a sottoporsi a un trattamento attraverso un processo assicurativo. Una persona non vaccinata deve comunque prenotare in anticipo un hotel per cinque giorni e condurre un soggiorno/quarantena obbligatorio in hotel di cinque giorni, per ora, questo potrebbe cambiare entro la fine dell'anno.

La CCSA ha inoltre annunciato la riduzione della copertura assicurativa minima per entrambi i gruppi di viaggiatori vaccinati e non vaccinati da un minimo di 20,000 USD a un minimo di 10,000 USD.

Le persone ad alto rischio che hanno avuto contatti con una persona risultata positiva al Covid-19 ora devono essere messe in quarantena solo per cinque giorni. Dovrebbero anche eseguire un autotest ATK il giorno 5 e il giorno 10. Per i giorni 6-10, possono porre fine alla loro quarantena ma devono continuare a monitorare autonomamente i propri sintomi e autotest il giorno dieci.

Per le normative interne, la CCSA ha ricollocato tutte le province nelle zone controllate, ovvero la zona arancione, alle zone di alta sorveglianza, ovvero la zona gialla, ed alcune nelle zone pilota turistiche, ovvero la zona blu. In sostanza, questo significa che tutte le province del paese stanno ora sostanzialmente seguendo lo stesso insieme di regole.

Di conseguenza, la Thailandia ha ora 0 province nelle aree di controllo più alte e più rigorose (rosso scuro), l'area di controllo massimo (zona rossa) e le aree controllate (zona arancione), che hanno dettato il livello delle regole Covid-19 che erano fissati.

Le aree ad alta sorveglianza ora hanno 65 province che includono:

Kalasin, Kamphaeng Phet, Khon Kaen, Chanthaburi, Chachoengsao, Chaiyoeng, Chiang Rai, Trang, Trat, Nakhon Phanom, Nakhon Sawan, Narathiwat, Pattani, Narathiwat, Phra Sawan, Mukthan, Lamphun, Lamphun, Lamphun Songkhram, Sa Kaeo, Samut Songkhram , Sa Kaeo Saaburi, Sing Buri, Sukhothai, Suphan Buri, Surin, Nong Khai, Nong Bua Lamphu, Ang Thong, Amnat Charoen, Uthai Thani, Ubon Ratchathani, Tak, Nakhon Nayok, Ubon Ratchathani, Nakhon Ratchasima, Nakhon Si Thammarat, Buriram , Prachuap Khiri Khan, Phra Nakhon Si Ayutthaya, Phatthalung, Phichit, Phitsanulok, Ranong, Ratchaburi, Samut Prakan, Samut Sakhon, Surat Thani, Udon Thani e Uttaradit

La zona blu o aree pilota del turismo è ora aumentata da 10 province a 12 province che includono: Bangkok, Kanchanaburi, Krabi, Chonburi, Chiang Mai, Nonthaburi, Pathum Thani, Phang Nga, Phetchaburi, Phuket, Rayong e Songkhla.

Tecnicamente, bar, discoteche e luoghi di intrattenimento rimangono legalmente chiusi e continueranno come ristoranti convertiti. Questo sarà valutato in futuro, ha osservato il CCSA. Come affermato sopra, tuttavia, i locali che sono "ristoranti" possono servire legalmente alcolici fino a mezzanotte a partire dal primo maggio.

Tutte le modifiche di cui sopra entreranno in vigore il 1° maggio. TPN osserva che nulla di tutto ciò è ufficiale fino a quando non viene stampato come legge nella Royal Gazette, che di solito si basa su decisioni prese in passato appena prima della data in cui diventa effettiva. Tutte le regole e le politiche annunciate, come sempre, sono soggette a modifiche.

-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=-=–=–=–=–==-

Hai bisogno di un'assicurazione Covid-19 per il tuo prossimo viaggio in Thailandia? Clicca qui.

Seguici su Facebook

Unisciti a noi on LINE per gli avvisi di rottura!

Scrittrice nazionale di notizie presso The Pattaya News da settembre 2020 a ottobre 2022. Nata e cresciuta a Bangkok, Nop ama raccontare storie della sua città natale attraverso parole e immagini. La sua esperienza educativa negli Stati Uniti e la sua passione per il giornalismo hanno plasmato i suoi interessi genuini per la società, la politica, l'istruzione, la cultura e l'arte.